Internet and Feminist Internet

Poi ci faremo una puntata 🙂

Risorse utili per spiegare internet:

https://www.derechosdigitales.org/wp-content/uploads/que-no-quede-huella.pdf

Fonte: https://www.derechosdigitales.org/?s=que+no+quede+huella

https://afrisig.org/wp-content/uploads/sites/2/2019/09/Mallory-Knodel_Internet-architecture-and-protocols.pdf

Fonte: https://catnip.article19.org/

Feminist Internet

WHAT IS:

https://feministinternet.org/en/principles

Definizione di feminist servers:

What is a Feminist Server?

Intervista ad Constanz and Donostech with Femke Snelting and spideralex by
Cornelia Sollfrank

https://creatingcommons.zhdk.ch/wp-content/uploads/2020/06/Transcript-Femkespider.pdf

Secondo convening about feminist internet from APC

https://genderit.org/sites/default/files/firn_2nd_convening_2020_summary.pdf

Panel durante Privacy Camp 2022: A feminist Internet

Tutti i panel: https://streaming.media.ccc.de/privacycamp/relive

Gennaio, guerre di rete, omaggio

Ciao,

Oggi la nostra puntata radio la dedico tributo ad una nostra fonte di notizie,

per segnalarvi i podcast di Carola Frediani, sulla newletter di notizie cyber che tiene da qualche anno ed è sempre ben aggiornata.

https://guerredirete.substack.com/p/guerre-di-rete-signal-tra-innovazione

E vi linko l’ultima arrivata:

https://guerredirete.substack.com/p/guerre-di-rete-diplomazia-dei-ransomware

 

MUSICA IN Creative Commons:

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/be-good

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/pass-the-ball-and-sail-the-days

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/nang-tani

 

Cyberfemminismo, esploriamo!

Puntata dedicata ai gruppi che da anni parlano, praticano, cercano il cyberfemminismo.

Partiamo da un appuntamento locale:

2 dicembre al Centro Delle Donne, Bologna

Incontro: https://women.it/news/gruppo-visionarie-digitali/


Definizione di cyberfemminismo dal sud America:

https://vita-activa.org/  TAG: mix cultura indigena e tecnologie

https://vita-activa.org/ciberfeminismo-y-tecnofeminismo/

Esempio:

Siempre Viva Ciberherbolaria

 


Documentos

Lima, febrero del 2021

Que metodologia utilizamos?
La construcción de este material se basó en metodologías de educación popular feminista.
Esto es el resultado de dos propuestas políticas: la educación popular y el feminismo.
La educación popular es una propuesta de Paulo Freire donde “señala que el continuum existente entre una y otra forma de conciencia puede recorrer mediante una educación que,
en lugar de domesticar y adaptar a la persona a su realidad, le ayuda a problematizar esta y a analizarla de manera crítica” (Cantera, 2012). Se basa en la construcción de procesos
de aprendizaje autodidactas en el que las sujetas reflexionan para transformar y/o accionar ante la realidad social. Parte de la idea de que todas tenemos algo que aportar, por lo tanto aprendemos unas de otras. Estos procesos de aprendizaje son permanentes, y en donde un posible error se transformará en “fuerzas generadoras”. Asimismo “se centra en las personas y sus procesos, tanto personales como colectivos” (Cantera, 2012).
La propuesta de educación popular feminista suma todos estos planteamientos y agrega uno de los postulados más importantes para los feminismos:,“lo personal es político”. Lo que conlleva a asumir estos procesos de aprendizaje de manera única y diferente a la vez, reconocerlos como graduales y que se generarán dependiendo los contextos de cada
persona o colectivo.En concreto la pedagogía popular feminista apuesta por formarnos, no por educar-
nos. Que aprendamos a conocernos de manera permanente y continua; y no solo con la mente, sino también con el cuerpo.
Plantea la formación/aprendizaje desde la horizontalidad, facilita la posibilidad de abordar las emociones -de esta forma se reconoce la subjetividad como una posibilidad
de generar conocimiento y, a la vez reconoce la experiencia personal de las mujeres.
Los feminismos al ser también un movimiento político enuncian y denuncian las opresiones por condiciones de género, clase, raza, territorio, y visibilizan las relaciones de
poder naturalizadas. Todo esto se ve reflejado en los procesos de formación popular feminista cuando se conforman grupos de estudio, talleres, conversatorios, y reuniones para
aprehender y aprender de la experiencia y conocimientos de la otra.


Quale metodologia usiamo?
La costruzione di questo materiale si è basata su metodologie di educazione popolare femminista.
Questo è il risultato di due proposte politiche: l’educazione popolare e il femminismo.
L’educazione popolare è una proposta di Paulo Freire che “indica che il continuum esistente tra una e un’altra forma di coscienza può essere attraversato per mezzo di un’educazione che,
invece di addomesticare e adattare le persone alla loro realtà, le aiuta a problematizzarla e ad analizzarla criticamente” (Cantera, 2012). Si basa sulla costruzione di un autodidatta processi di apprendimento autodidattico in cui i soggetti riflettono per trasformare e/o agire di fronte alla realtà sociale.
di fronte alla realtà sociale. Si basa sull’idea che tutti noi abbiamo qualcosa da contribuire, quindi impariamo tutti gli uni dagli altri.
impariamo gli uni dagli altri. Questi processi di apprendimento sono permanenti, e dove un possibile errore sarà trasformato in
l’eventuale errore sarà trasformato in “forze generatrici”. Inoltre “si concentra sulle persone e i loro processi, sia personali che collettivi” (Cantera, 2012).
La proposta di educazione popolare femminista somma tutti questi approcci e aggiunge uno dei postulati più importanti per l’educazione popolare femminista.
uno dei postulati più importanti per i femminismi: “il personale è politico”. Ciò significa assumere questi processi di apprendimento in modo unico e diverso allo stesso tempo, riconoscendoli come graduali e
I processi di apprendimento sono unici e diversi, sono riconosciuti come graduali e si genereranno a seconda dei contesti di ogni persona o collettivo.
In particolare, la pedagogia popolare femminista è impegnata a formarci, non a educarci. noi. Che impariamo a conoscere noi stessi in modo permanente e continuo; e non solo con la mente, ma anche con la mente.
con la mente, ma anche con il corpo.
Si avvicina alla formazione/apprendimento in modo orizzontale, facilita la possibilità di emozioni – riconoscendo così la soggettività come possibilità di generare conoscenza e, allo stesso tempo di generare conoscenza e, allo stesso tempo, riconosce l’esperienza personale delle donne.
I femminismi, essendo anche un movimento politico, enunciano e denunciano le oppressioni basate sul genere, la classe, il ceto e le condizioni politiche.
basate su condizioni di genere, classe, razza, territorio, e rendono visibili le relazioni di potere naturalizzate./rapporti di potere naturalizzati. Tutto questo si riflette nei processi di formazione popolare femminista quando si formano gruppi di donne.
Questo si riflette nei processi di formazione popolare delle donne quando si creano gruppi di studio, laboratori, conversazioni e incontri per
e imparare dalle esperienze e dalle conoscenze degli altri.


dalla CATALUNIA   https://donestech.net/manifiesto


Quindi documentiamoci e capiamo:

 

Risorse digitali femministe – 3°

Una nuova lista di risorze internazionali femministe, sia di sicurezza digitale, sia di sostegno psicologico per chi ha o sta vivendo molestie, sia guide su come reagire:

__update___ in fondo

https://vedetas.org/materiais/

https://soulmedicine.io/en/

https://www.chayn.co/

https://ciberfemgt.org/category/recursos/

https://www.radioslibres.net/ciberfem/ Leggi tutto “Risorse digitali femministe – 3°”

Notizie di Giugno da Guerre di rete

PUNTATA

guerre e minacce cyber, G7, ramsonware e CDN, free reach e l’infrastruttura si vede quando è guasta

Hackmeeting 2021 https://hackmeeting.org/ 3-4-5 settembre 2021 Casona di Ponticelli

MUSICA

Handmade Moments – Where do you find the time ?

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/where-do-you-find-the-time

Hard Girl – dulcet tones (demo)

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/dulcet-tones-demo

CONTENUTI

Free reach
https://guerredirete.substack.com/p/guerre-di-rete-stati-piattaforme

CDN
https://guerredirete.substack.com/p/guerre-di-rete-aiuto-internet-e-down

> extra https://www.nytimes.com/live/2021/06/13/world/g7-summit

> extra https://highlights.sawyerh.com/highlights/Wi5FgG8ms2FtGzcJuvLA

Ramsonware sulla cresta dell’onda cyber
https://guerredirete.substack.com/p/guerre-di-rete-speciale-ransomware


Extra tradotto dal newyorktimes

Extra tradotto da https://highlights.sawyerh.com/highlights/Wi5FgG8ms2FtGzcJuvLA

Una definizione di infrastruttura
Sorting Things Out – Classification and Its Consequences

Geoffrey C. Bowker, Susan Leigh Star

Incorporazione. L’infrastruttura è affondata in, all’interno di, altre strutture, accordi sociali e tecnologie,
Trasparenza. L’infrastruttura è trasparente all’uso, nel senso che non deve essere reinventata ogni volta o assemblata per ogni compito, ma supporta invisibilmente quei compiti.
Portata o ambito. Questo può essere sia spaziale che temporale – l’infrastruttura ha una portata che va oltre un singolo evento o una pratica di un sito;
Appreso come parte dell’appartenenza. L’accettazione degli artefatti e degli accordi organizzativi è una condizione sine qua non dell’appartenenza ad una comunità di pratica (Lave e Wenger 1991, Star 1996). Gli estranei e i forestieri incontrano l’infrastruttura come un oggetto da conoscere. I nuovi partecipanti acquisiscono una familiarità naturalizzata con i suoi oggetti quando diventano membri.
Collegamenti con le convenzioni della pratica. L’infrastruttura modella ed è modellata dalle convenzioni di una comunità di pratica; per esempio, i modi in cui i cicli di lavoro giorno-notte sono influenzati e influenzano le tariffe e i bisogni di energia elettrica. Generazioni di dattilografi hanno imparato la tastiera QWERTY; i suoi limiti sono ereditati dalla tastiera del computer e quindi dal design dei mobili per computer di oggi (Becker 1982).
Incarnazione di standard. Modificata dallo scopo e spesso da convenzioni conflittuali, l’infrastruttura assume trasparenza collegandosi ad altre infrastrutture e strumenti in modo standardizzato.
Costruita su una base installata. L’infrastruttura non cresce de novo; lotta con l’inerzia della base installata e ne eredita punti di forza e limiti. Le fibre ottiche corrono lungo le vecchie linee ferroviarie, i nuovi sistemi sono progettati per la compatibilità all’indietro; e non tenere conto di questi vincoli può essere fatale o distorcere i nuovi processi di sviluppo (Monteiro e Hanseth 1996).
Diventa visibile al momento del guasto. La qualità normalmente invisibile di un’infrastruttura funzionante diventa visibile quando si rompe: il server è fuori uso, il ponte è saltato, c’è un blackout. Anche quando ci sono meccanismi o procedure di backup, la loro esistenza evidenzia ulteriormente l’infrastruttura ora visibile.
È fissata in incrementi modulari, non tutta in una volta o globalmente. Poiché l’infrastruttura è grande, stratificata e complessa, e poiché significa cose diverse a livello locale, non viene mai cambiata dall’alto. I cambiamenti richiedono tempo e negoziazione, e aggiustamenti con altri aspetti dei sistemi coinvolti.

Fonte: Star e Rohleder 1996.

 

Aggressione capitalista alla chat Freenode e nasce Libera.chat


musica:

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/thrill-killer

Immagini di che cosa è IRC

Vi traduciamo:

https://arstechnica.com/gadgets/2021/05/freenode-irc-has-been-taken-over-by-the-crown-prince-of-korea/

Freenode è stata la più grande rete IRC del mondo dal 2013, con circa tre volte più utenti del suo concorrente più vicino, IRCnet. La scorsa settimana, l’enorme rete IRC è stata rilevata dall’imprenditore tecnologico e “principe ereditario coreano” Andrew Lee – una mossa che lo staff della rete ha apparentemente classificato all’unanimità come una “acquisizione ostile”, anche se Lee stesso sostiene che queste sono solo “voci” e “semplicemente false”.

A prima vista, è allettante per un osservatore esterno – qualcuno che non abbia già familiarità con la storia della proprietà e della gestione della rete – fare spallucce e dire “beh, chi lo sa”. Lee espone diverse centinaia di parole di spiegazione in un post sul blog attualmente presente sulla prima pagina di Freenode, la maggior parte delle quali suona ragionevole.

Ma l’unica domanda che Lee non affronta mai – per non parlare delle risposte – è perché almeno 14 diversi membri dello staff avrebbero abbandonato in massa, tutti in disaccordo con la storia che racconta.
Un contratto dubbio

Nel 2017, Christel Dahlskjaer, che all’epoca era a capo dello staff di Freenode, ha creato una società, Freenode Ltd., che ha immediatamente venduto a Lee. Dahlskjaer e Lee dissero allo staff e agli utenti di Freenode che l’incorporazione era stata fatta solo come documentazione necessaria per sponsorizzare una conferenza e che le operazioni quotidiane sarebbero rimaste invariate.

Contratto o non contratto, lo staff e gli sviluppatori di Freenode sostengono che non era effettivamente possibile vendere la rete – lo staff è tutto volontario, e l’infrastruttura stessa non era di proprietà di Dahlskjaer in primo luogo. Secondo il dimissionario sviluppatore di Freenode Aaron Jones, tuttavia, “Andrew ha più soldi di noi, e quindi non possiamo combattere questo”.

Anche se il contratto in questione è stato firmato nel 2017, i membri dello staff non hanno iniziato ad obiettare fino a quest’anno, quando i cambiamenti operativi hanno iniziato a comparire senza il loro controllo o consenso.

Una decisione unilaterale sulla pubblicità

Nel febbraio 2021, Dahlskjaer ha messo il logo di Shells – una società di proprietà di Lee che offre desktop virtuali basati su cloud – in modo preponderante sulla prima pagina di Freenode. Di per sé, questo potrebbe sembrare innocuo – i progettiOSS accettano sponsorizzazioni e pubblicità tutto il tempo. Ma lo staff, che si supponeva avesse ancora il controllo della rete, non è stato consultato sull’accordo e non ha approvato.

Una ragione della virulenta disapprovazione dello staff è il CTO di Shells Mark Karpelès. Karpelès è il fondatore del defunto scambio di bitcoin Mt. Gox, che ha perso quasi 850.000 bitcoin (attualmente del valore sbalorditivo di 33,4 miliardi di dollari) a causa di aggressori che hanno sfruttato una massiccia falla nella sicurezza. Karpelès è stato trovato colpevole in un tribunale di Tokyo di aver deliberatamente manomesso i registri per coprire le varie perdite dello scambio, anche se è stato trovato innocente di vera e propria appropriazione indebita.

Come spiega l’ex membro dello staff Aaron Jones nella sua lunga lettera di dimissioni – che si collega a simili annunci di altri membri dello staff di alto profilo in uscita – questo non era l’unico problema con il nuovo annuncio. Secondo Jones, le sponsorizzazioni si trovano normalmente solo su freenode.net/acknowledgements rendendo il prominente logo Shells in alto a destra della prima pagina di Freenode più di quanto possa sembrare.

Jones continua a dire che Dahlskjaer non era in grado o non voleva spiegare l’improvviso nuovo annuncio allo staff, scegliendo invece di dimettersi. (Lee sostiene che lo staff di Freenode ha “molestato” Dahlskjaer a dimettersi; Jones e altri membri dello staff in partenza negano questa caratterizzazione). Lo staff di Freenode ha eletto Tom Wesley (aka tomaw) per sostituirla.

Escalation in aprile

A partire da aprile 2021, l’esercizio del controllo da parte di Lee ha continuato ad aumentare:

I membri dello staff crearono un post sul blog che delineava i cambiamenti nella leadership e annunciava il passaggio al nuovo software ircd back-end Solanum. Secondo Jones, Lee rimosse sommariamente il post e modificò manualmente la storia integrata del sito web per creare l’impressione che non fosse mai esistito.
Più tardi in aprile, una rete di prova Freenode – in uso per prepararsi al passaggio dell’infrastruttura a Solanum – è stata chiusa senza discussione. Wesley (tomaw) ha eseguito lo spegnimento e si è rifiutato di dire perché; Jones e altri credono che Lee fosse dietro lo spegnimento, ha usato la minaccia di forza legale per rendere Wesley conforme, e ha emesso ordini bavaglio relativi al personale OFTC.
Lee ha registrato il canale #freenode-board senza discuterne con lo staff – e, secondo Jones, senza la giusta autorità (poiché solo i contatti ufficiali del gruppo sono autorizzati a creare canali nel namespace primario di Freenode, e Lee non era un contatto ufficiale di Freenode).
Shane Allen (aka nirvana), un socio e dipendente di Lee, si è vantato di “trasformare” tomaw, e ha tentato di corrompere l’utente di spicco Ariadne con promesse di privilegi ops, dicendo: “Mi assicurerò che tu ottenga +oO in #freenode così potrai prendere a calci le persone. Il mio regalo per te, amico”.
L’11 maggio, Lee ha iniziato ad emettere avvisi allo staff come gruppo e direttamente ai singoli membri dello staff di Freenode. Tutto proveniva dal “consiglio” – un’entità che i membri dello staff dicono non sia mai esistita, e anche ora è solo un eufemismo per Lee stesso.

Il 12 maggio, Lee (aka rasengan) ha postato la sua versione degli eventi – in cui rivendica la proprietà legale di Freenode, insieme ad una lista di lamentele – in un gist Github. (Il gist è considerevolmente più salato della versione degli eventi che Lee ha postato sul blog pubblico di Freenode una settimana dopo).

Libera Chat

Una settimana dopo l’annuncio effettivamente pubblico di Lee della proprietà e della gestione di fatto dittatoriale di Freenode, i membri dello staff che si sono dimessi da Freenode hanno creato Libera.chat in sostituzione.

Libera Chat è costituita come un’organizzazione svedese senza scopo di lucro, di proprietà e gestita da volontari che sono membri votanti dell’organizzazione. Ha un piccolo consiglio di amministrazione eletto dai membri, attualmente composto da presidente, tesoriere, rappresentante dei progetti e della comunità, rappresentante degli ingegneri/vice presidente, e rappresentante delle operazioni. Ma la maggior parte delle decisioni devono essere prese dall’insieme dei membri.

I membri eleggono anche due revisori, incaricati di controllare le azioni del consiglio per conto dei membri. Un rapporto di trasparenza deve essere pubblicato annualmente, con il dettaglio della contabilità e dei risultati dei revisori insieme al rapporto annuale standard del consiglio stesso.

Tutti gli attuali membri e revisori di Libera Chat sono membri dello staff di Freenode che si sono dimessi per protestare contro le recenti azioni di Lee e la sua assunzione del controllo.

Altre info:

https://www.theregister.com/2021/05/19/freenode_staff_resigns/

https://www.theregister.com/2021/05/27/ubuntu_freenode/

https://www.theregister.com/2021/05/26/freenode_irc_takeover/

https://it.wikipedia.org/wiki/Internet_Relay_Chat#Storia

https://hacklabbo.indivia.net/book/sobtec2/it/content/05irc.html

 

Disinformazione, censura, internet shutdown, news primavera 2021

Abbiam letto un estratto, su disinformazione e diffamazione sul caso Regeni, censura in India nei social netword durante la seconda ondata covid, pianificazioni degli internet shutdown in Birmania, deepfake a danno di politici russi.

Sembrano notizie da un futuro distopico ed invece è aprile 2021 sul pianeta Terra.

https://guerredirete.substack.com/p/guerre-di-rete-quel-video-su-regeni

PUNTATA

Extra, la newsletter avrebbe un suo podcast, ma i DRM di spotify si mettono in mezzo: https://support.mozilla.org/it/kb/contenuti-drm-firefox

e noi ve la leggiamo a voce!

musica:

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/no-easy-fun

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/la-diosa

 

Recovery plan: poche idee, ma confuse

In questa puntata abbiamo commentato la sezione su digitalizzazione e innovazione del Recovery Plan, che in questi giorni sarà discusso per gli ultimi aggiustamenti prima di essere presentato all’Unione Europea per accedere ai finanziamenti del programma Next Generation EU. Come direbbe Flaiano: poche idee, ma confuse. Un’altra occasione persa per portare avanti una visione dell’innovazione tecnologica che si basi sulle reali esigenze sociali, culturali ed economiche del paese, e non su discorsi superficiali e anche datati sul potenziale salvifico delle nuove tecnologie.

Una copia del piano si puó trovare qui (corriere della sera).

Abbiamo ascoltato:
Vietnam II, Like Before
ZinKarO, L’air de rien