DDI francese

https://apps.education.fr/bonnes-pratiques

10 consigli per un uso responsabile degli strumenti digitali

1. Sulla mia postazione professionale, riservo le mie consultazioni su Internet per un uso strettamente professionale.

2. Limito il numero dei miei terminali (computer o cellulare) collegati contemporaneamente ai servizi digitali del Ministero.

3. Quando è possibile, uso la mia connessione internet di casa piuttosto che la rete di telefonia mobile.

4. Quando posso gestire i miei messaggi nel mio client di posta elettronica, non uso la webmail.

5. Per le e-mail: limito il numero e la dimensione degli allegati, rimuovo le immagini dalla mia firma. Condivido i miei file tramite spazi condivisi o siti collaborativi.

6. Per preparare bene le mie riunioni, condivido i documenti in anticipo in modo da poter distribuire i download.

7. Uso messaggeri istantanei come Tchap per tenermi in contatto con i miei colleghi.

8. Non esito a inviare messaggi di testo per accelerare il mio lavoro.


Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Notizie di Giugno da Guerre di rete

PUNTATA

guerre e minacce cyber, G7, ramsonware e CDN, free reach e l’infrastruttura si vede quando è guasta

Hackmeeting 2021 https://hackmeeting.org/ 3-4-5 settembre 2021 Casona di Ponticelli

MUSICA

Handmade Moments – Where do you find the time ?

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/where-do-you-find-the-time

Hard Girl – dulcet tones (demo)

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/dulcet-tones-demo

CONTENUTI

Free reach
https://guerredirete.substack.com/p/guerre-di-rete-stati-piattaforme

CDN
https://guerredirete.substack.com/p/guerre-di-rete-aiuto-internet-e-down

> extra https://www.nytimes.com/live/2021/06/13/world/g7-summit

> extra https://highlights.sawyerh.com/highlights/Wi5FgG8ms2FtGzcJuvLA

Ramsonware sulla cresta dell’onda cyber
https://guerredirete.substack.com/p/guerre-di-rete-speciale-ransomware


Extra tradotto dal newyorktimes

Extra tradotto da https://highlights.sawyerh.com/highlights/Wi5FgG8ms2FtGzcJuvLA

Una definizione di infrastruttura
Sorting Things Out – Classification and Its Consequences

Geoffrey C. Bowker, Susan Leigh Star

Incorporazione. L’infrastruttura è affondata in, all’interno di, altre strutture, accordi sociali e tecnologie,
Trasparenza. L’infrastruttura è trasparente all’uso, nel senso che non deve essere reinventata ogni volta o assemblata per ogni compito, ma supporta invisibilmente quei compiti.
Portata o ambito. Questo può essere sia spaziale che temporale – l’infrastruttura ha una portata che va oltre un singolo evento o una pratica di un sito;
Appreso come parte dell’appartenenza. L’accettazione degli artefatti e degli accordi organizzativi è una condizione sine qua non dell’appartenenza ad una comunità di pratica (Lave e Wenger 1991, Star 1996). Gli estranei e i forestieri incontrano l’infrastruttura come un oggetto da conoscere. I nuovi partecipanti acquisiscono una familiarità naturalizzata con i suoi oggetti quando diventano membri.
Collegamenti con le convenzioni della pratica. L’infrastruttura modella ed è modellata dalle convenzioni di una comunità di pratica; per esempio, i modi in cui i cicli di lavoro giorno-notte sono influenzati e influenzano le tariffe e i bisogni di energia elettrica. Generazioni di dattilografi hanno imparato la tastiera QWERTY; i suoi limiti sono ereditati dalla tastiera del computer e quindi dal design dei mobili per computer di oggi (Becker 1982).
Incarnazione di standard. Modificata dallo scopo e spesso da convenzioni conflittuali, l’infrastruttura assume trasparenza collegandosi ad altre infrastrutture e strumenti in modo standardizzato.
Costruita su una base installata. L’infrastruttura non cresce de novo; lotta con l’inerzia della base installata e ne eredita punti di forza e limiti. Le fibre ottiche corrono lungo le vecchie linee ferroviarie, i nuovi sistemi sono progettati per la compatibilità all’indietro; e non tenere conto di questi vincoli può essere fatale o distorcere i nuovi processi di sviluppo (Monteiro e Hanseth 1996).
Diventa visibile al momento del guasto. La qualità normalmente invisibile di un’infrastruttura funzionante diventa visibile quando si rompe: il server è fuori uso, il ponte è saltato, c’è un blackout. Anche quando ci sono meccanismi o procedure di backup, la loro esistenza evidenzia ulteriormente l’infrastruttura ora visibile.
È fissata in incrementi modulari, non tutta in una volta o globalmente. Poiché l’infrastruttura è grande, stratificata e complessa, e poiché significa cose diverse a livello locale, non viene mai cambiata dall’alto. I cambiamenti richiedono tempo e negoziazione, e aggiustamenti con altri aspetti dei sistemi coinvolti.

Fonte: Star e Rohleder 1996.

 

Aggressione capitalista alla chat Freenode e nasce Libera.chat


musica:

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/thrill-killer

Immagini di che cosa è IRC

Vi traduciamo:

https://arstechnica.com/gadgets/2021/05/freenode-irc-has-been-taken-over-by-the-crown-prince-of-korea/

Freenode è stata la più grande rete IRC del mondo dal 2013, con circa tre volte più utenti del suo concorrente più vicino, IRCnet. La scorsa settimana, l’enorme rete IRC è stata rilevata dall’imprenditore tecnologico e “principe ereditario coreano” Andrew Lee – una mossa che lo staff della rete ha apparentemente classificato all’unanimità come una “acquisizione ostile”, anche se Lee stesso sostiene che queste sono solo “voci” e “semplicemente false”.

A prima vista, è allettante per un osservatore esterno – qualcuno che non abbia già familiarità con la storia della proprietà e della gestione della rete – fare spallucce e dire “beh, chi lo sa”. Lee espone diverse centinaia di parole di spiegazione in un post sul blog attualmente presente sulla prima pagina di Freenode, la maggior parte delle quali suona ragionevole.

Ma l’unica domanda che Lee non affronta mai – per non parlare delle risposte – è perché almeno 14 diversi membri dello staff avrebbero abbandonato in massa, tutti in disaccordo con la storia che racconta.
Un contratto dubbio

Nel 2017, Christel Dahlskjaer, che all’epoca era a capo dello staff di Freenode, ha creato una società, Freenode Ltd., che ha immediatamente venduto a Lee. Dahlskjaer e Lee dissero allo staff e agli utenti di Freenode che l’incorporazione era stata fatta solo come documentazione necessaria per sponsorizzare una conferenza e che le operazioni quotidiane sarebbero rimaste invariate.

Contratto o non contratto, lo staff e gli sviluppatori di Freenode sostengono che non era effettivamente possibile vendere la rete – lo staff è tutto volontario, e l’infrastruttura stessa non era di proprietà di Dahlskjaer in primo luogo. Secondo il dimissionario sviluppatore di Freenode Aaron Jones, tuttavia, “Andrew ha più soldi di noi, e quindi non possiamo combattere questo”.

Anche se il contratto in questione è stato firmato nel 2017, i membri dello staff non hanno iniziato ad obiettare fino a quest’anno, quando i cambiamenti operativi hanno iniziato a comparire senza il loro controllo o consenso.

Una decisione unilaterale sulla pubblicità

Nel febbraio 2021, Dahlskjaer ha messo il logo di Shells – una società di proprietà di Lee che offre desktop virtuali basati su cloud – in modo preponderante sulla prima pagina di Freenode. Di per sé, questo potrebbe sembrare innocuo – i progettiOSS accettano sponsorizzazioni e pubblicità tutto il tempo. Ma lo staff, che si supponeva avesse ancora il controllo della rete, non è stato consultato sull’accordo e non ha approvato.

Una ragione della virulenta disapprovazione dello staff è il CTO di Shells Mark Karpelès. Karpelès è il fondatore del defunto scambio di bitcoin Mt. Gox, che ha perso quasi 850.000 bitcoin (attualmente del valore sbalorditivo di 33,4 miliardi di dollari) a causa di aggressori che hanno sfruttato una massiccia falla nella sicurezza. Karpelès è stato trovato colpevole in un tribunale di Tokyo di aver deliberatamente manomesso i registri per coprire le varie perdite dello scambio, anche se è stato trovato innocente di vera e propria appropriazione indebita.

Come spiega l’ex membro dello staff Aaron Jones nella sua lunga lettera di dimissioni – che si collega a simili annunci di altri membri dello staff di alto profilo in uscita – questo non era l’unico problema con il nuovo annuncio. Secondo Jones, le sponsorizzazioni si trovano normalmente solo su freenode.net/acknowledgements rendendo il prominente logo Shells in alto a destra della prima pagina di Freenode più di quanto possa sembrare.

Jones continua a dire che Dahlskjaer non era in grado o non voleva spiegare l’improvviso nuovo annuncio allo staff, scegliendo invece di dimettersi. (Lee sostiene che lo staff di Freenode ha “molestato” Dahlskjaer a dimettersi; Jones e altri membri dello staff in partenza negano questa caratterizzazione). Lo staff di Freenode ha eletto Tom Wesley (aka tomaw) per sostituirla.

Escalation in aprile

A partire da aprile 2021, l’esercizio del controllo da parte di Lee ha continuato ad aumentare:

I membri dello staff crearono un post sul blog che delineava i cambiamenti nella leadership e annunciava il passaggio al nuovo software ircd back-end Solanum. Secondo Jones, Lee rimosse sommariamente il post e modificò manualmente la storia integrata del sito web per creare l’impressione che non fosse mai esistito.
Più tardi in aprile, una rete di prova Freenode – in uso per prepararsi al passaggio dell’infrastruttura a Solanum – è stata chiusa senza discussione. Wesley (tomaw) ha eseguito lo spegnimento e si è rifiutato di dire perché; Jones e altri credono che Lee fosse dietro lo spegnimento, ha usato la minaccia di forza legale per rendere Wesley conforme, e ha emesso ordini bavaglio relativi al personale OFTC.
Lee ha registrato il canale #freenode-board senza discuterne con lo staff – e, secondo Jones, senza la giusta autorità (poiché solo i contatti ufficiali del gruppo sono autorizzati a creare canali nel namespace primario di Freenode, e Lee non era un contatto ufficiale di Freenode).
Shane Allen (aka nirvana), un socio e dipendente di Lee, si è vantato di “trasformare” tomaw, e ha tentato di corrompere l’utente di spicco Ariadne con promesse di privilegi ops, dicendo: “Mi assicurerò che tu ottenga +oO in #freenode così potrai prendere a calci le persone. Il mio regalo per te, amico”.
L’11 maggio, Lee ha iniziato ad emettere avvisi allo staff come gruppo e direttamente ai singoli membri dello staff di Freenode. Tutto proveniva dal “consiglio” – un’entità che i membri dello staff dicono non sia mai esistita, e anche ora è solo un eufemismo per Lee stesso.

Il 12 maggio, Lee (aka rasengan) ha postato la sua versione degli eventi – in cui rivendica la proprietà legale di Freenode, insieme ad una lista di lamentele – in un gist Github. (Il gist è considerevolmente più salato della versione degli eventi che Lee ha postato sul blog pubblico di Freenode una settimana dopo).

Libera Chat

Una settimana dopo l’annuncio effettivamente pubblico di Lee della proprietà e della gestione di fatto dittatoriale di Freenode, i membri dello staff che si sono dimessi da Freenode hanno creato Libera.chat in sostituzione.

Libera Chat è costituita come un’organizzazione svedese senza scopo di lucro, di proprietà e gestita da volontari che sono membri votanti dell’organizzazione. Ha un piccolo consiglio di amministrazione eletto dai membri, attualmente composto da presidente, tesoriere, rappresentante dei progetti e della comunità, rappresentante degli ingegneri/vice presidente, e rappresentante delle operazioni. Ma la maggior parte delle decisioni devono essere prese dall’insieme dei membri.

I membri eleggono anche due revisori, incaricati di controllare le azioni del consiglio per conto dei membri. Un rapporto di trasparenza deve essere pubblicato annualmente, con il dettaglio della contabilità e dei risultati dei revisori insieme al rapporto annuale standard del consiglio stesso.

Tutti gli attuali membri e revisori di Libera Chat sono membri dello staff di Freenode che si sono dimessi per protestare contro le recenti azioni di Lee e la sua assunzione del controllo.

Altre info:

https://www.theregister.com/2021/05/19/freenode_staff_resigns/

https://www.theregister.com/2021/05/27/ubuntu_freenode/

https://www.theregister.com/2021/05/26/freenode_irc_takeover/

https://it.wikipedia.org/wiki/Internet_Relay_Chat#Storia

https://hacklabbo.indivia.net/book/sobtec2/it/content/05irc.html

 

Disinformazione, censura, internet shutdown, news primavera 2021

Abbiam letto un estratto, su disinformazione e diffamazione sul caso Regeni, censura in India nei social netword durante la seconda ondata covid, pianificazioni degli internet shutdown in Birmania, deepfake a danno di politici russi.

Sembrano notizie da un futuro distopico ed invece è aprile 2021 sul pianeta Terra.

https://guerredirete.substack.com/p/guerre-di-rete-quel-video-su-regeni

PUNTATA

Extra, la newsletter avrebbe un suo podcast, ma i DRM di spotify si mettono in mezzo: https://support.mozilla.org/it/kb/contenuti-drm-firefox

e noi ve la leggiamo a voce!

musica:

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/no-easy-fun

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/la-diosa

 

Recovery plan: poche idee, ma confuse

In questa puntata abbiamo commentato la sezione su digitalizzazione e innovazione del Recovery Plan, che in questi giorni sarà discusso per gli ultimi aggiustamenti prima di essere presentato all’Unione Europea per accedere ai finanziamenti del programma Next Generation EU. Come direbbe Flaiano: poche idee, ma confuse. Un’altra occasione persa per portare avanti una visione dell’innovazione tecnologica che si basi sulle reali esigenze sociali, culturali ed economiche del paese, e non su discorsi superficiali e anche datati sul potenziale salvifico delle nuove tecnologie.

Una copia del piano si puó trovare qui (corriere della sera).

Abbiamo ascoltato:
Vietnam II, Like Before
ZinKarO, L’air de rien

Comunità antifa online e loro preziosità

Puntata…

Ecco la musica che abbiamo ascoltato:

Hibiscus Biscuit – Keep on Rising

Biomigrant – Sintekonofe (feat. Arnulfo Mancera)

 

Vi ricorderete quando nel 2019 abbiamo parlato di https://www.ravelry.com

On Racism in the Knitting Community

che forse ricordate per il lama con il maglioncino di lana come logo, che ha deciso di esporre e prendere posizione riguardo ai contenuti fascisti omofobi e sessisti all’interno della loro comunità,

ovvero uscire dalla bigottissima posizione alla FB e twitter, che si dicono neutrali ed anche quindi giudici di che cosa è nazi/fascist o no.

E’ importante mettere l’accento sulle utenti.

per due aspetti, se chi gestitte la piattaforma fosse responsabile di tutti i contenuti pubblicati sopra, non esisterebbero più piattaforme dal basso.

se si avvallasse l’idea che necessito una autorità che decide che cosa posso leggere e sentire, anche che praticasse “censura”, correttamente verso contenuti discriminanti, indebiolirebbe tutta la comunità e il discorso pubblico, perchè è responsabilità di ogni singola e singolu di sapere valutare i contenuti.

faccio un esempio al limite, ma le regole e le leggi sono un po come l’analogico col digitale, uno è il mondo reale, l’altro è solo una descrizione “discreta”, cioè fatta a fette, della realtà.

Quindi per evitare che riaccadano tragedie mondiali come il nazismo, non possiamo limitarci alla costituzione italiana o a qualche linea guida che ci han consegnato le staffette ed i partigiani, che sono preziose ma non omnicomprensive, dobbiamo alimentare la nostra necessità di azione e la nostra possibilità di controbattere argomentazioni xenofobe.

Altri esempi di comunità che supportano il freespeech in una ottica chiaramente partigiana: mastodon bida, noblogs, …

che non significa essere libere di sostenere discorsi discriminanti inaccettabili, ovvero sei libera di dirli ma anche di essere pesantemente contraddetta, essere segnalata ed insomma prenderti il peso delle tue parole, secondo l’opinione della tua comunità. Se discrimini aspettati di essere discriminata, se non ti informi su che cosa provoca molestia alle persone diverse da te, e ci cadi nel farla, aspettati di venire rimproverata, in un ambiente di comunità che può arrivare anche in casi estremi ad accompagnarti alla porta.

Questo lo spunto per parlare di un nuovo report, recensito e finanziato dalla mozilla fondation e fatto da: Rebellius data

Tra i risultati chiave di Emmi nel rapporto:

La radicalizzazione sta diventando più difficile da affrontare. Le grandi piattaforme come YouTube usano algoritmi imperfetti sia per le raccomandazioni che per la moderazione automatica dei contenuti. Ospitano comunità che possono disinformare e radicalizzare gli utenti impressionabili. La “radicalizzazione” si riferisce alle condutture in cui gli utenti sono esposti a forme più estreme di ideologie e comportamenti razzisti nel tempo. Gli approcci centralizzati alla moderazione, come una moderazione dall’alto o un team di sicurezza, non funzionano sulla tecnologia P2P perché la tecnologia stessa si basa sulla decentralizzazione dell’autorità. Poiché sempre più suprematisti bianchi continuano a migrare verso la tecnologia P2P, aumenta anche il rischio che organizzino la violenza attraverso questi strumenti.

L’odio moderno non è così sensibile alla deterrenza dall’alto, all’approccio autoritario. Come molti suprematisti bianchi stessi espandono l’uso di tattiche “senza leader”, stanno diventando più agili nell’aggirare gli approcci centralizzati per contrastare i loro sforzi, come la politica, la moderazione automatica dei contenuti, o gli arresti di attaccanti “lupi solitari”. La decentralizzazione dei gruppi suprematisti bianchi è sempre più facilitata da una tecnologia P2P incontenibile e criptata. Come tale, molti metodi dei tipici sistemi e strutture governative, come la legislazione o la sorveglianza, si stanno dimostrando meno efficaci nel più moderno panorama delle minacce. Solo una rete può sconfiggere una rete.

Ci sono soluzioni decentralizzate emergenti. Alcuni strumenti P2P hanno introdotto nuove idee per combattere i contenuti dannosi. Alcune piattaforme hanno svelato gli accordi con gli utenti e hanno esortato le loro comunità a bloccare il supporto di strumenti problematici. Altre piattaforme hanno introdotto “audit di abuso” per identificare e mitigare le potenziali minacce per gli utenti. A causa della natura tecnica e sociale dei problemi che affrontiamo, le nostre soluzioni devono anche essere ampiamente decentralizzate.

La decentralizzazione aiuta a risolvere molti problemi, ma solleva anche nuove sfide. Le tecnologie P2P possono far progredire molti dei più grandi problemi di coordinamento della società, dal trasporto pubblico e dalle catene di approvvigionamento alla connessione sociale positiva e alla collaborazione. Tuttavia, le sfide che ci chiedono di affrontare non hanno soluzioni facili.

 

Esempio su SBB, su essere comunità repellenti ai messaggi di odio.

Estratto tradotto I tentativi di Ethereum

Ethereum è una “piattaforma globale, open-source per applicazioni decentralizzate”. Si tratta di una blockchain e di un protocollo di criptovaluta attraverso il quale è possibile costruire tutti i tipi di valute, applicazioni e anche Organizzazioni autonome decentralizzate (DAO). Uno dei fondatori di Ethereum, Vinay Gupta ha parlato pubblicamente contro il nazionalismo bianco e l’alt-right nello spazio P2Pincoraggiando che la gente dovrebbe dare “non un centesimo” a loro o altrimenti sostenere i loro progetti.è stato successivamente attaccato dal blogger neo-nazista, Andrew Anglin. In risposta, Guptatweeted: “Dovreste inforcare. Non saremo buoni padroni di casa…. Colluderemo contro di voi. Renderemo le vostre vite miserabili. Troveremo… modi subdoli ma etici per far fallire il vostro progetto… In ogni caso, mettete il lavoro di tutta la vostra vita nelle mani di persone che vi odiano… Noi facciamo infrastrutture. In una certa misura, la dichiarazione di Gupta è un bluff ambizioso, perché c’è solo così tanto Etereum può fare per fermare i neo-nazisti di utilizzare la loro tecnologia. Siti web come Fascist Forgehave Ethereum pulsanti di donazione e molti nella comunità delle criptovalute hanno preso le parti del Daily Stormer in questo dibattito. Tuttavia, è fondamentale che uno dei più importanti progetti blockchain abbia preso una posizione veemente e pubblica contro i suprematisti bianchi quando molti altri fanno semplicemente spallucce e ignorano il problema.

Gran bel volantino con spunti molto avanti, poco implementati e da riflettere:

Breve viaggio nel fediverso: mastodon.bida e stereodon.social

Il tema di questa puntata è il fediverso: è possibile creare un social network autogestito? E se i social network fossero piú di uno, federabili tra loro?

Ne parliamo con il collettivo bida dell’omonima istanza mastodon e con il collettivo stereodon:

Per approfondire:

La migliore guida su mastodon in italiano:
https://mastodon.help/it

Il manifesto dell’istanza mastodon bida:
https://mastodon.bida.im/about/more#italiano

Il report per i 3 anni di bida:
https://bida.im/press.html#bidatreannidopo

Manifesto minimo per un fediverso autogestito:
https://autogestione.social/

Per registrare un account:
https://mastodon.bida.im/

https://stereodon.social/

Abbiamo ascoltato:
Nostromo Bonelli – Sincopi e Graffetti

Ofshe – Entropy / Long distance

Hack’n’roll: Adele Goldstine, Dorothy Vaughan, Lynn Conway

Le ultime puntate della nostra rubrica Hack’n’roll, sulle donne nella storia dell’informatica. Non perdete le puntate in anteprima su Radio Città Fujiko, il lunedí alle 13:30 (che poi chissá quando ci ricorderemo di caricarle…).

Puntata 4: Adele Goldstine

https://it.wikipedia.org/wiki/Adele_Goldstine

Puntata 5: Dorothy Vaughan

https://it.wikipedia.org/wiki/Dorothy_Vaughan

Puntata 6: Lynn Conway

https://it.wikipedia.org/wiki/Lynn_Conway