7 luglio presentazione di “Millennium Bug – Una storia corale di Indymedia”

in Archivio Via Avesella alle 18.30

https://archivioavesella.org

presentazione di “Millennium Bug – Una storia corale di Indymedia” e del documentario “In campo nemico” sul Supporto Legale del G8 di Genova a seguire.

https://edizionialegre.it/product/millennium-bug/

In Campo Nemico – Storia di SupportoLegale – Il documentario

Incontro con le autrici ed aperitivo

Eventi tech femministi, design e UX design

Musica in creative commons:
 
PUNTATA:

 
Due eventi nei prossimi giorni:
 
23 aprile: convegno
 
https://women.it/evento/convegno-immortali/
 
28 aprile2022, giovedì
 
 
Parliamo di hacking, design e consenso:
 
Piccola storiella del come sono arrivata a scegliere un ebook-reader dopo 10 anni che ne volevo uno ed ora che relazione ho con esso.
– non rispetta il mio consenso sugli aggiornamenti, li fa di nascosto appena si connette ad internet e soprattutto senza tenerconto che io devo fare altre cose, quando lo connetto ad internet, mentre esso si scarica la roba, si aggiorna interrompendo le mie azioni e si rebootta. Un bell’esempio di azienda/padrone–>Kobo. Secondo me ve ne viene in mente un altra che non vi permettere di spegnere il computer perchè deve aggiornare..
Gli aggiornamenti sono importanti, ma quanto il mio CONSENSO.
Quell’oggetto è mio, l’ho pure pagato!
 
-Hacking.. second round: Non vedrai più l’internet… L’uso di Nextcloud locali, e/o un comando dato nella cartella giusta:
python3 -m http.server
Ecco.. a quello i progettisti ci avevano pensato 🙂 e fatto di tutto per impedirmelo!
MA in fondo ci sia arriva.. a spinta!
digito nel browser il mio indirizzo IP.. e la porta dove sto esponendo i file:
http://192.168.0.4:8000
Potevo brancolare nel buio, ma invece so quel che sto facendo 🙂
Dopo altri tentativi di scoraggiarmi, ci arrivo e vinco!
 
Per il momento 🙂
 
Sapendo definire già quasi tutte le mosse scorrette delle aziende nella produzione di oggetti digitali/elettronici, forse non ho la parola per quello che mi è appena successo:
– obsolescenza programmata?
– lock-in?
– interfacce/porte non standard
– tracking/tracciamento non consensuale..? hum..
– manipolazione della realtà/gaslighting?
 
Bho..  In un certo senso si.. però non ho il termine giusto..
So comunque che tutto ciò viene dal design! hum..
 
Due pensieri sul design, che vi condivido:
 
Citazioni da scuola:
 
-https://it.wikipedia.org/wiki/La_caffettiera_del_masochista
-https://it.wikipedia.org/wiki/Ted_Nelson
 
 
Design isn’t everything, it simply touches everything
 
Il design non è “qualunquecosa”, ma tocca semplicemente tutto:
 
 
Lo riporto in italiano qui sotto.
 
Daje, gli smartphone sono praticamente sull’orlo di essere gettati nel gabinetto..  cioè.. smaltiti correttamente volevo dire.
 
Buona domenica.. e buona lettura:
 

Lettura consigliata: Il design non è “qualunquecosa”, ma tocca semplicemente tutto:

Nell’ultima settimana di ottobre 2019, ci sono state discussioni su Design Twitter sull’etica e sul fatto che le persone debbano o meno lavorare per “x azienda malvagia” del giorno.

Mi ha fatto capire che molti designer che parlano di etica lo fanno da un luogo di sentimenti agitati o di ricerca che non capisce le radici della supremazia bianca o molti degli altri mali della società che dobbiamo intrinsecamente affrontare in virtù dell’eredità e delle memorie a breve termine.

Solo un avvertimento…
Questi non sono libri di “design”. Troppi di noi rimangono bloccati in questa tana del coniglio dove crediamo che il design sia “tutto”. Ma il design non è tutto, semplicemente tocca tutto. La vita è complessa e confusa. C’è molto poco in questo mondo che può essere “tutto” o toccare tutto ciò che lo circonda, senza conseguenze.

Di cosa trattano?
I seguenti libri enfatizzano, analizzano e criticano la storia, la legge, la razza, la cultura, il femminismo, i diritti civili, la psicologia, la supremazia bianca, la sociologia e altro ancora perché credo fermamente che abbiamo bisogno di una comprensione di base per impegnarci efficacemente nel dialogo sull’etica del design. A molti di noi mancano le basi perché molte scuole di design (almeno negli Stati Uniti) ci insegnano che il design è separato da tutto il resto.

Questi libri forniranno una chiara comprensione di come siamo arrivati qui e dove stiamo andando.

Perché lo sto facendo?
Tutti i designer dovrebbero avere la capacità di impegnare conversazioni difficili con sfumature e domande impegnative. Spero che condividendo questi libri, applicherete ciò che imparate per pensare criticamente a ciò che sta accadendo intorno a voi e al vostro impatto, capendo anche come coltivare l’empatia.

Puoi avere spazio per questo e altro, nonostante quello che ti dice la società. (“Sei un designer, concentrati solo sul design” 🙄)

Capire e cambiare il nostro impatto non viene dal tuffarsi direttamente nel “bruciare tutto, ANARCHIA!!!” Anch’io vorrei bruciare tutto. Ma questo non solo fa male alle persone in alto, ma anche a quelle in basso.

Quindi come cominciamo a mettere in azione i sentimenti che abbiamo verso il cambiamento positivo che vogliamo vedere? Cominciamo guardando le persone che hanno fatto il lavoro prima di noi. Collaborando e ascoltando le comunità che vogliamo intendiamo “aiutare”.

Continuerò ad aggiungere alla lista man mano che mi verranno in mente altri libri da aggiungere.

E se avete trovato questa lista utile, per favore mandate una tazza di tè come ringraziamento.

L’elenco

Questa lista non è assolutamente esaustiva o definitiva. Prendete quello che vi serve/possibile, lasciate il resto. Tutti i libri in questa lista si collegano direttamente all’editore, ai venditori di libri indie, o a WorldCat, piuttosto che ad Amazon.

I documenti accademici sono indicati da quanto segue: 📄

Infine, assicurati di usare la Library Extension, che può controllare i libri della tua biblioteca locale. Supporta le biblioteche! ✊🏾

  • Critica culturale femminista nera di Jacqueline Bob
  • Black and Blur di Fred Moten
  • Ma alcune di noi sono persone coraggiose di Gloria T. Hull, Patricia Bell Scott e Barbara Smith
  • Discorso caraibico: Saggi selezionati di Édouard Glissant
  • 📄 “La decolonizzazione non è una metafora” di Eve Tuck e K. Wayne Yang
  • 📄 “Decolonizing Design Innovation” di Elizabeth (Dori) Tunstall (Questo è anche incluso come capitolo nel libro Design Anthropology: Theory and Practice)
  • Discorso sul colonialismo di Aimé Césaire
  • Strategia emergente di Adrienne Marie Brown
  • In the Wake: On Blackness and Being di Christina Sharpe
  • Poetica della relazione di Édouard Glissant
  • La politica del design di Ruben Pater
  • Potere, privilegio e legge: A Civil Rights Reader di Leslie Bender e Daan Braveman
  • La razza dopo la tecnologia di Ruha Benjamin
  • Sylvia Winter: On Being Human as Praxis a cura di Katherine McKittrick
  • The Womanist Reader di Layli Phillips
  • Donne, razza e classe di Angela Y. Davis

///////////////

 

Per finire in bellezza…..

…. è aperta la call del TRANS HACK FEMINIST MEETING!

https://zoiahorn.anarchaserver.org/thf2022/#IT

 

L’internet perde i pezzi.. il nostro internet perde i pezzi!?!

Puntata

Si parla di Hackrocchio a Torino, tra due settimane,

Panoramica del 9-10 aprile https://hackrocchio.org/programma/

Approfondimento sul doppio tentativo di censura a nota.info https://www.notav.info/post/tentativo-di-censura-contro-notav-info/

Commento dal collettivo Autistici.org sul mantenere le cose online per anni, tanti anni…  https://cavallette.noblogs.org/2022/03/9707

Traduzione di

Un’altra rete è possibile

April Glaser
Riguardo la memoria delle proteste noglobal a seattle 1999 e un futuro possibile..

https://hackordie.gattini.ninja/2022/03/unaltra-rete-e-possibile/

 

Musica in Creative Commons:

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/if-only

https://carsieblanton.bandcamp.com/album/love-rage-2021

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/adventure-darling

Violenza digitale di genere, strumenti di autodifesa ed educazione al consenso

📣 Sabato 19 febbraio 2022

alle ore 18.30 allo Spazio Popolare Neruda (corso Ciriè 7) proseguiamo gli appuntamenti verso lo sciopero dell’8 marzo con un incontro dedicato al tema della violenza maschile e di genere nel digitale: cosa intendiamo quando parliamo di violenza online e quali sono le varie forme che questa assume? Quali sono gli strumenti di autodifesa che abbiamo e come diffondere una cultura del consenso? Quali risorse possiamo attivare per uscire dalla violenza online?

💥 Di questo e altro parleremo in un dialogo a più voci con Chayn Italia, Collettivo Clara e HacklabBO. Vi aspettiamo!

[💻 Per le persone che non possono partecipare in presenza garantiremo la possibilità di seguire l’incontro online, nei prossimi giorni daremo tutte le info necessarie!]

Internet and Feminist Internet

Poi ci faremo una puntata 🙂

Risorse utili per spiegare internet:

https://www.derechosdigitales.org/wp-content/uploads/que-no-quede-huella.pdf

Fonte: https://www.derechosdigitales.org/?s=que+no+quede+huella

https://afrisig.org/wp-content/uploads/sites/2/2019/09/Mallory-Knodel_Internet-architecture-and-protocols.pdf

Fonte: https://catnip.article19.org/

Feminist Internet

WHAT IS:

https://feministinternet.org/en/principles

Definizione di feminist servers:

What is a Feminist Server?

Intervista ad Constanz and Donostech with Femke Snelting and spideralex by
Cornelia Sollfrank

https://creatingcommons.zhdk.ch/wp-content/uploads/2020/06/Transcript-Femkespider.pdf

Secondo convening about feminist internet from APC

https://genderit.org/sites/default/files/firn_2nd_convening_2020_summary.pdf

Panel durante Privacy Camp 2022: A feminist Internet

Tutti i panel: https://streaming.media.ccc.de/privacycamp/relive

Notizie di Giugno da Guerre di rete

PUNTATA

guerre e minacce cyber, G7, ramsonware e CDN, free reach e l’infrastruttura si vede quando è guasta

Hackmeeting 2021 https://hackmeeting.org/ 3-4-5 settembre 2021 Casona di Ponticelli

MUSICA

Handmade Moments – Where do you find the time ?

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/where-do-you-find-the-time

Hard Girl – dulcet tones (demo)

https://ziklibrenbib.bandcamp.com/track/dulcet-tones-demo

CONTENUTI

Free reach
https://guerredirete.substack.com/p/guerre-di-rete-stati-piattaforme

CDN
https://guerredirete.substack.com/p/guerre-di-rete-aiuto-internet-e-down

> extra https://www.nytimes.com/live/2021/06/13/world/g7-summit

> extra https://highlights.sawyerh.com/highlights/Wi5FgG8ms2FtGzcJuvLA

Ramsonware sulla cresta dell’onda cyber
https://guerredirete.substack.com/p/guerre-di-rete-speciale-ransomware


Extra tradotto dal newyorktimes

Extra tradotto da https://highlights.sawyerh.com/highlights/Wi5FgG8ms2FtGzcJuvLA

Una definizione di infrastruttura
Sorting Things Out – Classification and Its Consequences

Geoffrey C. Bowker, Susan Leigh Star

Incorporazione. L’infrastruttura è affondata in, all’interno di, altre strutture, accordi sociali e tecnologie,
Trasparenza. L’infrastruttura è trasparente all’uso, nel senso che non deve essere reinventata ogni volta o assemblata per ogni compito, ma supporta invisibilmente quei compiti.
Portata o ambito. Questo può essere sia spaziale che temporale – l’infrastruttura ha una portata che va oltre un singolo evento o una pratica di un sito;
Appreso come parte dell’appartenenza. L’accettazione degli artefatti e degli accordi organizzativi è una condizione sine qua non dell’appartenenza ad una comunità di pratica (Lave e Wenger 1991, Star 1996). Gli estranei e i forestieri incontrano l’infrastruttura come un oggetto da conoscere. I nuovi partecipanti acquisiscono una familiarità naturalizzata con i suoi oggetti quando diventano membri.
Collegamenti con le convenzioni della pratica. L’infrastruttura modella ed è modellata dalle convenzioni di una comunità di pratica; per esempio, i modi in cui i cicli di lavoro giorno-notte sono influenzati e influenzano le tariffe e i bisogni di energia elettrica. Generazioni di dattilografi hanno imparato la tastiera QWERTY; i suoi limiti sono ereditati dalla tastiera del computer e quindi dal design dei mobili per computer di oggi (Becker 1982).
Incarnazione di standard. Modificata dallo scopo e spesso da convenzioni conflittuali, l’infrastruttura assume trasparenza collegandosi ad altre infrastrutture e strumenti in modo standardizzato.
Costruita su una base installata. L’infrastruttura non cresce de novo; lotta con l’inerzia della base installata e ne eredita punti di forza e limiti. Le fibre ottiche corrono lungo le vecchie linee ferroviarie, i nuovi sistemi sono progettati per la compatibilità all’indietro; e non tenere conto di questi vincoli può essere fatale o distorcere i nuovi processi di sviluppo (Monteiro e Hanseth 1996).
Diventa visibile al momento del guasto. La qualità normalmente invisibile di un’infrastruttura funzionante diventa visibile quando si rompe: il server è fuori uso, il ponte è saltato, c’è un blackout. Anche quando ci sono meccanismi o procedure di backup, la loro esistenza evidenzia ulteriormente l’infrastruttura ora visibile.
È fissata in incrementi modulari, non tutta in una volta o globalmente. Poiché l’infrastruttura è grande, stratificata e complessa, e poiché significa cose diverse a livello locale, non viene mai cambiata dall’alto. I cambiamenti richiedono tempo e negoziazione, e aggiustamenti con altri aspetti dei sistemi coinvolti.

Fonte: Star e Rohleder 1996.

 

Hack or Di(y|e): la quinta edizione!

Signore e signori e signoru, siamo liet@ di annunciarvi la quinta edizione di Hack or Di(y|e)!

Questo fine settimana, venerdí 12 e sabato 13 dicembre, a XM24.

Tutte le info su: https://hacklabbo.indivia.net/hackordiye19/index.html

Accorrete numerose! E se non avete voglia di leggervi il programma ascoltatevi la puntata:

Musica:

Tintamare – Caracas

Psalmships – The Purveyor’s Last Word

Save dot org + lab circuiti stampati

Save dot org: che cosa sta succedendo all’internet? Scoprilo con hack or die!

La gestione del dominio .org, usato in larga parte da organizzazioni no-profit, sta per essere venduta ad un fondo d’investimento privato. Abbiamo parlato del come e del perché di questa vicenda.

Ma ci sono anche fantastici eventi a XM24!

Laboratorio Circuito Stampati per Synt, 4 dicembre 2019 ore 18

Per approfondire:

La campagna Save Dot Org: https://savedotorg.org

Le dichiarazioni del CEO della Internet Society

ICANN concede ad Amazon la gestione esclusiva del dominio .amazon

Abbiamo ascoltato:

Lay – Crawl (Megametal)

Bégayer – Inclinaison