Eventi tech femministi, design e UX design

Musica in creative commons:
 
PUNTATA:

 
Due eventi nei prossimi giorni:
 
23 aprile: convegno
 
https://women.it/evento/convegno-immortali/
 
28 aprile2022, giovedì
 
 
Parliamo di hacking, design e consenso:
 
Piccola storiella del come sono arrivata a scegliere un ebook-reader dopo 10 anni che ne volevo uno ed ora che relazione ho con esso.
– non rispetta il mio consenso sugli aggiornamenti, li fa di nascosto appena si connette ad internet e soprattutto senza tenerconto che io devo fare altre cose, quando lo connetto ad internet, mentre esso si scarica la roba, si aggiorna interrompendo le mie azioni e si rebootta. Un bell’esempio di azienda/padrone–>Kobo. Secondo me ve ne viene in mente un altra che non vi permettere di spegnere il computer perchè deve aggiornare..
Gli aggiornamenti sono importanti, ma quanto il mio CONSENSO.
Quell’oggetto è mio, l’ho pure pagato!
 
-Hacking.. second round: Non vedrai più l’internet… L’uso di Nextcloud locali, e/o un comando dato nella cartella giusta:
python3 -m http.server
Ecco.. a quello i progettisti ci avevano pensato 🙂 e fatto di tutto per impedirmelo!
MA in fondo ci sia arriva.. a spinta!
digito nel browser il mio indirizzo IP.. e la porta dove sto esponendo i file:
http://192.168.0.4:8000
Potevo brancolare nel buio, ma invece so quel che sto facendo 🙂
Dopo altri tentativi di scoraggiarmi, ci arrivo e vinco!
 
Per il momento 🙂
 
Sapendo definire già quasi tutte le mosse scorrette delle aziende nella produzione di oggetti digitali/elettronici, forse non ho la parola per quello che mi è appena successo:
– obsolescenza programmata?
– lock-in?
– interfacce/porte non standard
– tracking/tracciamento non consensuale..? hum..
– manipolazione della realtà/gaslighting?
 
Bho..  In un certo senso si.. però non ho il termine giusto..
So comunque che tutto ciò viene dal design! hum..
 
Due pensieri sul design, che vi condivido:
 
Citazioni da scuola:
 
-https://it.wikipedia.org/wiki/La_caffettiera_del_masochista
-https://it.wikipedia.org/wiki/Ted_Nelson
 
 
Design isn’t everything, it simply touches everything
 
Il design non è “qualunquecosa”, ma tocca semplicemente tutto:
 
 
Lo riporto in italiano qui sotto.
 
Daje, gli smartphone sono praticamente sull’orlo di essere gettati nel gabinetto..  cioè.. smaltiti correttamente volevo dire.
 
Buona domenica.. e buona lettura:
 

Lettura consigliata: Il design non è “qualunquecosa”, ma tocca semplicemente tutto:

Nell’ultima settimana di ottobre 2019, ci sono state discussioni su Design Twitter sull’etica e sul fatto che le persone debbano o meno lavorare per “x azienda malvagia” del giorno.

Mi ha fatto capire che molti designer che parlano di etica lo fanno da un luogo di sentimenti agitati o di ricerca che non capisce le radici della supremazia bianca o molti degli altri mali della società che dobbiamo intrinsecamente affrontare in virtù dell’eredità e delle memorie a breve termine.

Solo un avvertimento…
Questi non sono libri di “design”. Troppi di noi rimangono bloccati in questa tana del coniglio dove crediamo che il design sia “tutto”. Ma il design non è tutto, semplicemente tocca tutto. La vita è complessa e confusa. C’è molto poco in questo mondo che può essere “tutto” o toccare tutto ciò che lo circonda, senza conseguenze.

Di cosa trattano?
I seguenti libri enfatizzano, analizzano e criticano la storia, la legge, la razza, la cultura, il femminismo, i diritti civili, la psicologia, la supremazia bianca, la sociologia e altro ancora perché credo fermamente che abbiamo bisogno di una comprensione di base per impegnarci efficacemente nel dialogo sull’etica del design. A molti di noi mancano le basi perché molte scuole di design (almeno negli Stati Uniti) ci insegnano che il design è separato da tutto il resto.

Questi libri forniranno una chiara comprensione di come siamo arrivati qui e dove stiamo andando.

Perché lo sto facendo?
Tutti i designer dovrebbero avere la capacità di impegnare conversazioni difficili con sfumature e domande impegnative. Spero che condividendo questi libri, applicherete ciò che imparate per pensare criticamente a ciò che sta accadendo intorno a voi e al vostro impatto, capendo anche come coltivare l’empatia.

Puoi avere spazio per questo e altro, nonostante quello che ti dice la società. (“Sei un designer, concentrati solo sul design” 🙄)

Capire e cambiare il nostro impatto non viene dal tuffarsi direttamente nel “bruciare tutto, ANARCHIA!!!” Anch’io vorrei bruciare tutto. Ma questo non solo fa male alle persone in alto, ma anche a quelle in basso.

Quindi come cominciamo a mettere in azione i sentimenti che abbiamo verso il cambiamento positivo che vogliamo vedere? Cominciamo guardando le persone che hanno fatto il lavoro prima di noi. Collaborando e ascoltando le comunità che vogliamo intendiamo “aiutare”.

Continuerò ad aggiungere alla lista man mano che mi verranno in mente altri libri da aggiungere.

E se avete trovato questa lista utile, per favore mandate una tazza di tè come ringraziamento.

L’elenco

Questa lista non è assolutamente esaustiva o definitiva. Prendete quello che vi serve/possibile, lasciate il resto. Tutti i libri in questa lista si collegano direttamente all’editore, ai venditori di libri indie, o a WorldCat, piuttosto che ad Amazon.

I documenti accademici sono indicati da quanto segue: 📄

Infine, assicurati di usare la Library Extension, che può controllare i libri della tua biblioteca locale. Supporta le biblioteche! ✊🏾

  • Critica culturale femminista nera di Jacqueline Bob
  • Black and Blur di Fred Moten
  • Ma alcune di noi sono persone coraggiose di Gloria T. Hull, Patricia Bell Scott e Barbara Smith
  • Discorso caraibico: Saggi selezionati di Édouard Glissant
  • 📄 “La decolonizzazione non è una metafora” di Eve Tuck e K. Wayne Yang
  • 📄 “Decolonizing Design Innovation” di Elizabeth (Dori) Tunstall (Questo è anche incluso come capitolo nel libro Design Anthropology: Theory and Practice)
  • Discorso sul colonialismo di Aimé Césaire
  • Strategia emergente di Adrienne Marie Brown
  • In the Wake: On Blackness and Being di Christina Sharpe
  • Poetica della relazione di Édouard Glissant
  • La politica del design di Ruben Pater
  • Potere, privilegio e legge: A Civil Rights Reader di Leslie Bender e Daan Braveman
  • La razza dopo la tecnologia di Ruha Benjamin
  • Sylvia Winter: On Being Human as Praxis a cura di Katherine McKittrick
  • The Womanist Reader di Layli Phillips
  • Donne, razza e classe di Angela Y. Davis

///////////////

 

Per finire in bellezza…..

…. è aperta la call del TRANS HACK FEMINIST MEETING!

https://zoiahorn.anarchaserver.org/thf2022/#IT