Un’altra rete è possibile

 

TRADUZIONE IN LINGUA ITALIANA

03 AGOSTO 2019
Una foto di alcuni manifestanti di fronte a una fila di poliziotti antisommossa e una nuvola di gas lacrimogeni.
Manifestanti e poliziotti antisommossa alle proteste dell’OMC di Seattle nel novembre 1999. Foto di J.Narrin .

Un’altra rete è possibile

April Glaser

Indymedia ha definito una prima era di protesta in rete e ci ha mostrato un altro modo in cui il web potrebbe funzionare.

Le strade quella notte erano senza auto. Erano bloccati, ma non c’era comunque spazio per le auto. C’erano migliaia di persone fuori. Alcuni stavano correndo, altri erano bloccati a braccetto. Altri indossavano un’armatura completa: quella era la polizia di Seattle. I poliziotti indossavano elmetti con schermi per proteggerli dalle granate fumogene e dai gas lacrimogeni che stavano spruzzando direttamente sulla folla, costringendo le persone a tossire e piangere sul marciapiede, che era coperto di vetro dalle vetrine delle catene di negozi distrutte dai manifestanti in roaming. “Fai schifo, fottuto succhiacazzi”, urlò un uomo mentre un ufficiale di fronte a lui iniziava a sparare proiettili di gomma che lasciavano dolorose lividi sulle gambe e sulle braccia delle persone che colpivano.

Quella notte, il 30 novembre 1999, si sarebbe tenuta la cerimonia di apertura della Conferenza ministeriale dell’Organizzazione mondiale del commercio. Ma i manifestanti avevano preso il controllo della città, confinando i leader mondiali di oltre 150 governi che erano arrivati ​​a Seattle a partecipare al round di negoziati commerciali globali nelle lobby degli hotel. A un certo punto, l’azione si è spostata in una strada del centro dove un gruppo di giornalisti attivisti aveva allestito una redazione in una vetrina donata. Lo chiamavano Seattle Independent Media Center (IMC). Mentre il fumo addensava l’aria autunnale, i manifestanti si sono riversati all’interno per cercare rifugio dai gas lacrimogeni che rendevano quasi impossibile vedere e ancora più difficile respirare. I poliziotti hanno cercato di seguirli dentro, ma quelli all’interno hanno chiuso rapidamente le porte. Le loro telecamere giravano, filmando la polizia per tutto il tempo.

L’IMC di Seattle è stato rifornito di computer donati per caricare e modificare video e per scrivere articoli. Questo contenuto sarebbe stato quindi pubblicato su un sito Web, indymedia.org, che è stato pubblicato pochi giorni prima dell’inizio delle proteste. La motivazione dietro l’apertura di una redazione di attivisti, secondo Jeff Perlstein, uno dei fondatori dell’IMC di Seattle, era quella di fornire una prospettiva diversa sulle proteste rispetto ai media aziendali. “Non potevamo lasciare che la CNN e la CBS raccontassero queste storie”, ha detto Perlstein in un’intervista del 2000. “Avevamo bisogno di sviluppare le nostre alternative e le nostre reti. Ecco da dove è nata l’idea del media center: la necessità per le comunità di controllare il proprio messaggio”.

Ha funzionato. Durante le riunioni dell’OMC, i giornalisti dell’IMC hanno fornito una copertura aggiornata al minuto e prodotto segmenti video giornalieri. Il sito web di Indymedia ha registrato 1,5 milioni di visitatori unici nella sua prima settimana di attività, superando il traffico verso il sito web della CNN durante le proteste di Seattle.

Il successo del sito Web Indymedia e della redazione di Seattle IMC dietro di esso ha presto ispirato la formazione di IMC locali e siti Web in altre città del mondo, dove hanno duplicato la piattaforma di pubblicazione sviluppata per Seattle. Nel 2004, c’erano oltre 150 IMC gestiti autonomamente in una cinquantina di paesi in tutto il mondo, che gestivano tutti siti Web che si diramavano dalla nave madre: indymedia.org. Ciò che è iniziato a Seattle è diventato una rete.

Era l’inizio del millennio, quando il movimento anti-globalizzazione era in pieno svolgimento. Attivisti in Nord America e in Europa hanno organizzato grandi proteste contro le potenti multinazionali e gli accordi internazionali che hanno dato loro potere. I membri fondatori di Indymedia hanno capito che sconfiggere questo nemico avrebbe richiesto l’assunzione di alcuni dei suoi tratti. Un movimento per opporsi al capitale globalizzato e in rete doveva essere globalizzato e anche messo in rete. E questo significava collegarsi online.

Un Internet anticapitalista

Gli attivisti di Indymedia volevano costruire un sistema di media alternativo. Volevano usare Internet per aggirare il potere istituzionale. Ma non erano gli unici. Un altro gruppo più influente di pionieri del digitale negli anni ’90 aveva un’idea simile: i tecno-libertari, che sognavano di costruire un futuro digitale sconfinato in cui gli abitanti potessero creare le proprie regole, liberi dai confini del controllo del governo. La filosofia del tecno-libertarismo è stata articolata in modo più famoso dal paroliere dei Grateful Dead e co-fondatore della Electronic Frontier Foundation John Perry Barlow nella sua “Dichiarazione dell’indipendenza del cyberspazio”.

“I governi traggono i loro giusti poteri dal consenso dei governati. Non hai né sollecitato né ricevuto il nostro… Il cyberspazio non si trova entro i tuoi confini”, ha scritto Barlow nella sua Dichiarazione, che ha scritto al World Economic Forum, di tutti i luoghi, a Davos nel 1996. Mentre gli organizzatori di Indymedia condividevano l’immagine di Barlow del cyberspazio come senza confini, antigerarchici e anti-istituzionali, erano guidati da una visione politica molto diversa.

Lo stesso anno in cui Barlow pubblicò il suo manifesto, il subcomandante Marcos offrì il suo. Marcos era il portavoce dell’Esercito di Liberazione Nazionale Zapatista (EZLN), un gruppo ribelle di indigeni principalmente poveri e rurali del Chiapas che prese le armi quando il Messico firmò l’Accordo di libero scambio nordamericano. Fin dall’inizio, l’EZLN ha usato Internet per spargere la voce sulla loro lotta mortale contro il governo messicano. Nel 1996, in una conferenza anti-globalizzazione tenutasi in Chiapas, Marcos ha esposto la sua visione di come i movimenti sociali potrebbero sfruttare Internet:

Faremo una rete di comunicazione tra tutte le nostre lotte e resistenze. Una rete intercontinentale di comunicazione alternativa contro il neoliberismo… Questa rete intercontinentale di comunicazione alternativa sarà il mezzo attraverso il quale le diverse resistenze comunicheranno tra loro.

Gli organizzatori che hanno continuato a costruire Indymedia hanno ascoltato questa chiamata. La “rete intercontinentale di comunicazione alternativa” di Marcos, come racconta Todd Wolfson nel suo libro Digital Rebellion: The Birth of the Cyber ​​Left , ha fornito l’ispirazione guida per la formazione di Indymedia.

Gli organizzatori di Indymedia sarebbero i figli di Marcos, non Barlow. Sebbene le due filosofie avessero punti di contatto, provenivano da luoghi di interesse diversi. Gli attivisti di Indymedia sarebbero d’accordo con i tecno-libertari sul fatto che non ci si può fidare dei politici e della polizia nelle loro reti. Ma non vedevano il cyberspazio come una frontiera aperta di individui non ostacolati dai governi . Piuttosto, gli attivisti vedevano il cyberspazio come un luogo per le comunità .

Hanno attinto da una storia di media comunitari e autopubblicazione radicale, che ha sottolineato la necessità per coloro che sono emarginati e messi a tacere dai media mainstream di condividere storie, coltivare solidarietà e costruire potere di base. Per Indymedia, Internet era un luogo di ritrovo: uno spazio non solo per la liberazione individuale ma anche collettiva, dove comunità e movimenti potevano comunicare, consolidarsi e formare una “rete di resistenza”, come diceva Marcos, contro il governo e il controllo aziendale.

Eppure è stata la visione di Barlow ad attrarre imprenditori come Eric Schmidt e Steve Wozniak, che speravano di ritagliarsi nuovi mercati in un mondo digitale svincolato dai confini nazionali e dalle normative governative. Per i tecno-libertari, un Internet sano era quello in cui le persone potevano fare e dire quello che volevano. La protezione dei diritti individuali di autoespressione ha la precedenza sulla protezione delle comunità emarginate, che, in pratica, non sempre possono godere degli stessi diritti.

Oggi, il tecno-libertarismo è terminato in un Internet aziendale, in cui gli individui possono esprimere quasi tutto ciò che vogliono, purché il loro discorso sia monetizzato da una manciata di grandi piattaforme. Solo di recente queste piattaforme sono state costrette a fare i conti con i problemi che affliggono da anni le comunità di utenti minoritari. Nel frattempo, aziende come Facebook e Google, piene di incitamento all’odio e finanziate dalla sorveglianza, non hanno una chiara comprensione di come soddisfare le esigenze di informazione della diversità degli utenti in tutto il mondo che dipendono da loro.

In contrasto con l’uomo di frontiera digitale della dichiarazione di Barlow, gli attivisti di Indymedia hanno costruito una piattaforma che ha dato la priorità alle comunità. All’interno di Indymedia, le comunità hanno creato i propri spazi online affidabili. I gruppi autonomi sono stati quindi collegati ad altri in una rete comune, con l’obiettivo di fornire supporto reciproco e una crescente resistenza al potere istituzionale.

Aprire le porte con la pubblicazione aperta

Quando Indymedia era al culmine tra il 1999 e il 2006, i nuovi IMC andavano online al ritmo di uno ogni nove giorni. Molti sono stati avviati per sostenere le proteste contro la globalizzazione, come a Seattle nel 1999. Il centro Indymedia di Miami, ad esempio, è nato nel 2003 all’indomani dell’incontro della Free Trade Area of ​​the Americas, quando sindacalisti, lavoratori agricoli e anti -manifestanti per la globalizzazione sono scesi in città per protestare contro i negoziati commerciali.

Sebbene molti IMC si siano formati in risposta ad azioni locali anti-globalizzazione, come quella di Miami, l’avvio di un nuovo sito Indymedia non era legato a quel movimento. L’IMC di Filadelfia, ad esempio, è emerso in preparazione alle proteste che circondano la Convenzione nazionale repubblicana nel 2000. Altri sono stati costruiti come punti vendita generici per l’attivismo locale. Uno dei primi progetti dell’IMC della Baia di San Francisco – in seguito noto come “Indybay” – era un elenco dei quarantacinque peggiori baraccopoli della città. I giornalisti di Indymedia hanno compilato l’elenco dopo aver intervistato e incontrato i difensori dei diritti degli inquilini locali in risposta all’aumento degli affitti durante il boom delle dot-com.

Sia che un IMC fosse stato avviato per coprire una protesta contro la globalizzazione o per fungere da avamposto dei media della comunità, una cosa che tutti condividevano era un sito Web con un certo livello di “pubblicazione aperta”. Ciò significava che aveva un’interfaccia utilizzabile che rendeva relativamente facile per chiunque postare sul newswire centrale. La maggior parte dei siti Indymedia aveva tre colonne (simile a Facebook oggi). La colonna di sinistra aveva un menu per la navigazione verso altri IMC locali. La colonna centrale era un feed di storie e la colonna di destra era solitamente riservata all’invio di un post o all’elenco degli eventi del calendario. “È stata la prima piattaforma di autopubblicazione che ho incontrato”, mi ha detto Lee Azzarello, che ha iniziato a lavorare con il centro Indymedia di New York City nel 2001 e ha aiutato con il supporto tecnico globale di Indymedia, facendo eco ad altri membri IMC che ho intervistato.

L’editoria aperta ha anche aperto le porte agli abusi. “Abbiamo avuto continue battaglie con i troll per tutto il tempo”, mi ha detto in un’intervista Mark Burdett, un veterano di Indymedia ed ex collega di EFF. Un modo chiave in cui i siti Indymedia hanno affrontato il trolling è stato avere una politica editoriale: i membri che hanno monitorato i post inviati al newswire hanno utilizzato la politica per decidere cosa fosse promosso ai vertici. Ma poiché più persone utilizzavano i siti Indymedia, più lo facevano anche i troll e gli spammer. Gli organizzatori di Indymedia alla fine hanno creato strumenti che rilevavano automaticamente lo spam o i contenuti che incitano all’odio da segnalare per la revisione prima che fosse consentito la pubblicazione.

I problemi con il trolling, tuttavia, non hanno mai eclissato il vero fascino dell’open publishing: ha fornito una piattaforma facile da usare che gli esperti non tecnologici potevano utilizzare per elevare le loro storie online. Gli attivisti avevano da tempo riconosciuto che le narrazioni distorte e i silenzi dei media corporativi facevano parte di ciò che dovevano combattere per aumentare la resistenza politica. Anche così, coloro che erano in grado di scrivere e pubblicare storie per contrastare i media mainstream erano relativamente pochi e rari, facendo affidamento sulla radio comunitaria e sulla televisione ad accesso pubblico, sulle newsletter o sui singoli blog.

Con Indymedia, migliaia di persone pubblicavano storie e condividevano foto e video in tutti i movimenti e in tutto il mondo. La base di codice open source di Indymedia, di cui sono emerse più versioni nel corso degli anni, era stata creata appositamente per questo scopo. Come Mansur Jacobi e Matthew Arnison, programmatori di software che sono stati fondamentali nello sviluppo del framework di pubblicazione aperta per Indymedia, lo hanno affermato nel primo post pubblicato sul sito di Seattle:

Il web altera drammaticamente l’equilibrio tra media multinazionali e attivisti. Con solo un po ‘di codifica e alcune apparecchiature economiche, possiamo creare un sito Web automatizzato dal vivo che rivaleggia con le aziende. Preparati a essere sommerso dalla marea di produttori di media attivisti sul campo a Seattle e in tutto il mondo, che raccontano la vera storia dietro la World Trade [Organizzazione].

L’architettura di pubblicazione aperta del sito presagiva le reti di social media che avrebbero cominciato a emergere anni dopo e che alla fine avrebbero incluso il modo in cui comunichiamo online.

La tecnologia passa in secondo piano

Sebbene la pubblicazione aperta sia stata la chiave del successo di Indymedia, gli aspetti tecnici da soli non sono stati ciò che ha attratto la sua base di utenti. Altrettanto importanti erano i valori anticapitalisti e centrati sulla giustizia. Sono venuto sul sito web del Tennessee Indymedia Center, tnimc.org, per scrivere e leggere storie su come le persone a Nashville, la mia città natale, stavano morendo a causa dei tagli all’assistenza sanitaria statale, su come l’estrazione del carbone avesse decimato intere montagne e inquinato le forniture idriche locali , su come la polizia stesse aumentando la propria presenza nelle scuole pubbliche.

I media aziendali locali all’epoca ignoravano questi problemi o, se li coprivano, non riuscivano a centrare coerentemente le voci delle persone e delle comunità colpite. Il nostro pensiero era che sarebbe stato terribilmente difficile cambiare la politica locale se i nostri vicini non sapessero cosa stava succedendo, e non potevamo contare sui media mainstream per far capire alle persone abbastanza da preoccuparsene. In questo modo, come giornalisti di base su Indymedia, il nostro lavoro è stato tattico . Stavamo riportando con un ordine del giorno.

Altri organizzatori e attivisti di Indymedia con cui ho parlato si sono sentiti allo stesso modo. “Il self-publishing è fantastico. Mi piace”, mi ha detto uno dei primi organizzatori di Indybay, che ha chiesto di rimanere anonimo. “Ma credo che il principale punto di forza di Indymedia fosse questa idea sui media tattici. C’è come uno scopo in quello che stai facendo che non riguarda solo la pubblicazione della tua storia”. Se nei primi anni 2000 eri in giro con i tipi Indymedia, ci sono buone probabilità che tu abbia sentito parlare del termine “media tattici”. Ciò che differenzia i media tattici da un’idea immaginaria di giornalismo puro è che i media tattici sono realizzati a sostegno di un progetto politico.

L’autonomia di ogni sito Indymedia ha dato agli attivisti giornalisti locali la flessibilità di supportare diversi progetti politici e di rispondere ai bisogni informativi della loro comunità. Nel 2005, ad esempio, l’IMC di Houston ha collaborato con il progetto radiofonico senza scopo di lucro Prometheus Radio Project per creare una stazione radio FM a bassa potenza presso l’Astrodome, dove sono state trasferite migliaia di persone sfollate dall’uragano Katrina. Come ha detto Tish Stringer, un membro fondatore dell’IMC di HoustonDemocracy Now all’epoca, “C’era una vera difficoltà nell’ottenere informazioni su cose di base come quando mangiare, dove mangiare, come portare mio figlio a scuola, come cercare lavoro, mezzi di trasporto – questioni davvero basilari… Attivisti dei media a Houston ne ha parlato e ha deciso che davvero la radio sarebbe stata il mezzo perfetto per affrontare questo problema.

In pochi giorni, gli attivisti di Indymedia sono stati in grado di assicurarsi tre licenze FM di emergenza a bassa potenza. Hanno distribuito piccole radio donate alle persone all’interno, hanno allestito uno studio in una roulotte Airstream nel parcheggio e hanno iniziato a trasmettere aiutando gli sfollati a trovare amici e familiari scomparsi. La stazione ha fornito informazioni critiche su come richiedere aiuto e ha trasmesso i resoconti di prima mano dei sopravvissuti che sono arrivati ​​​​dalla Louisiana al Texas. Gli attivisti dei media stavano aiutando ad alleviare la crisi dell’informazione collegando le famiglie nell’Astrodome, producendo nel contempo una copertura completa che le persone potevano seguire in tutto il mondo.

Internet non era nelle tasche di tutti all’inizio degli anni 2000 e, come illustrato dagli attivisti di Houston che trasmettono all’Astrodome, pubblicare online non aveva senso per raggiungere persone che non hanno le risorse per collegarsi online. Sakura Sanders, un’attivista anti-mineraria che ha lavorato a Fault Lines , il giornale cartaceo di Indybay, ha spiegato perché il loro collettivo Indymedia e tanti altri hanno ritenuto fondamentale gestire un giornale cartaceo: “L’online è ottimo per raggiungere le persone che già sanno di te . Ma questo era prima dei social media, quindi a meno che tu non andassi a Indybay deliberatamente, non è che avresti visto queste storie pubblicate su Facebook di qualcuno. Fault Lines era essenziale per andare oltre il coro. Lo lasciavamo in vari caffè e cose del genere.

Oltre ai giornali e alle stazioni radio, era comune per i siti web Indymedia gestire il proprio spazio fisico con un laboratorio informatico comunitario, stazioni di editing video, materiale artistico e una sala riunioni per l’organizzazione locale. I siti Indymedia erano collegati in rete online, ma essendo progetti principalmente locali, era essenziale esistere anche offline. Ciò era in parte dovuto al fatto che Indymedia era una creatura di un’era digitale precedente, prima dei social media e degli smartphone. Ma i benefici del localismo generato da questa strategia non dovrebbero essere persi per noi oggi: per servire le loro comunità, gli organizzatori dovevano essere presenti anche offline.

Collegamenti mancanti

L’ultimo post su indymedia.org è datato settembre 2017. Il sito Indymedia di New Orleans, neworleans.indymedia.org, è stato aggiornato l’ultima volta nell’ottobre 2013. Altri sono ancora abbastanza attivi, come il sito Indymedia utilizzato in tutta l’Argentina, argentina.indymedia.org , che viene aggiornato più volte alla settimana, a volte più volte al giorno. Quando ho visitato il sito Web del Tennessee IMC questa primavera, il dominio era scaduto. Ho mandato un messaggio al mio amico che ha aiutato a mantenere il sito. “Penso di aver dimenticato di pagare la quota annuale”, hanno risposto.

I siti Indymedia negli Stati Uniti hanno iniziato ad atrofizzarsi intorno al 2008. Il decentramento della rete ha avuto un doppio vantaggio. I punti vendita locali avevano l’autonomia per servire direttamente le loro comunità. Ma senza una responsabilità forte e centralizzata, spesso era difficile richiedere finanziamenti o sviluppare una leadership che aiutasse a garantire la sostenibilità. Nel 2002, ad esempio, una sovvenzione della Fondazione Ford è stata contestata a causa dei sospetti legami della fondazione con la Central Intelligence Agency, segnalati in un’e-mail di emergenza alla rete globale dall’IMC argentino poco prima che il denaro fosse accettato.

Anche le persone si sono esaurite. Come progetto di volontariato, coloro che avevano il tempo e le risorse per lavorare gratuitamente tendevano a provenire da un certo livello di privilegio. Una maggiore centralizzazione avrebbe potuto fornire gli strumenti necessari per la formazione alla leadership, il che avrebbe aiutato a coinvolgere nuovi volontari ea diversificare gli organizzatori principali.

Anche il movimento anti-globalizzazione che ha contribuito a dare a Indymedia un pilastro attorno al quale la rete potrebbe fondersi ha iniziato a indebolirsi man mano che le preoccupazioni politiche si sono spostate nel corso degli anni e gli organizzatori di Indymedia non sono mai approdati a un nuovo movimento che potesse unire e guidare il lavoro tattico del collettivo. Gli IMC hanno sempre coperto qualcosa di più dell’attivismo contro la globalizzazione e contro la guerra dei primi anni 2000, ma la rete libera ha beneficiato dell’avere un movimento sociale più ampio in cui poteva radicarsi.

L’attivismo contro la globalizzazione ha fornito uno scopo condiviso attorno al quale convergere a livello nazionale. Gli attivisti si sono incontrati durante le proteste in tutto il paese e gli IMC hanno soddisfatto un bisogno fornendo media e servizi tecnologici per il movimento. Quando Occupy Wall Street e Black Lives Matter sono entrati in scena negli Stati Uniti, i progetti Indymedia erano ormai agli sgoccioli da anni.

Domani, col senno di poi

Oggi i movimenti sociali dipendono da Facebook, Google e Twitter. È stato un enorme impulso in termini di organizzazione e raccolta di storie per raggiungere un nuovo pubblico. Queste piattaforme collegano anche utenti altrimenti disparati che condividono una critica politica per alzare la voce insieme per forzare il cambiamento istituzionale. Alcuni potrebbero chiamarlo un “mob di Twitter”. Altri lo vedono come uno strumento essenziale per la responsabilità quando non c’è altra leva da tirare, come creare un tumulto che persuada il New York Times a licenziare un editorialista di opinione per i suoi legami con un famigerato neonazista, o che spinge Google a sciogliere un’IA “comitato etico” perché comprendeva il capo transfobico della Heritage Foundation.

Ma molti sono anche consapevoli del fatto che affidarsi a società come Facebook e Google significa rinunciare al controllo su come comunichiamo. Qualcuno può ascendere per rappresentare un movimento online senza prendere effettivamente parte alla difesa di base per sostenerlo. Diventare virale dà l’impressione che un’idea stia prendendo piede, ma il flusso costante di informazioni richiesto per alimentare il coinvolgimento senza fine su questi siti significa che qualcos’altro è destinato a diventare presto virale. È difficile attirare l’attenzione di qualcuno.

“Le società di social media stanno guadagnando soldi dal duro lavoro che stiamo facendo, ed è svalutato il modo in cui ci organizziamo online”, si è lamentata con me Vanessa Butterworth, un’organizzatrice di giustizia ambientale in un’intervista. “All’epoca avevamo più comunicazioni di persona. E mi sento come se si presentasse, che sia per le strade o per organizzare riunioni o altro, sta lentamente morendo. È la connessione personalizzata che stiamo perdendo”.

Una rivitalizzazione di un progetto simile a Indymedia oggi non sarebbe mai un sostituto per le piattaforme che sono così intrecciate con le nostre vite. Ma potrebbe fornire un gradito rifugio, un luogo online meno legato agli interessi aziendali, dove gli attivisti di tutti i movimenti a livello locale e globale possono condividere storie, calendari e preoccupazioni senza alimentare Facebook e l’impero pubblicitario di Google.

Quando i movimenti sociali condividono le infrastrutture di loro proprietà, è più facile sostenersi a vicenda. Quando condividiamo lo spazio, possiamo iniziare a costruire il tipo di mondo verso cui ci stiamo battendo. Ciò può significare canali di comunicazione online che vietano il razzismo e forum che rispettano la privacy fin dall’inizio. Potrebbe significare costruire archivi per archiviare foto e video di movimenti social in modo tale che il riconoscimento facciale sia vietato, i file possano essere cancellati in qualsiasi momento e nessuno tragga profitto da ogni visualizzazione. Se mai c’è un futuro in cui possiamo iniziare a reimmaginare Internet come un bene comune, piuttosto che un centro commerciale con una manciata di piattaforme big-box che estraggono i nostri dati e il nostro tempo, costruire la nostra rete potrebbe essere un buon inizio.

Ma affinché qualcosa duri, deve essere usato. Una risorsa viene utilizzata quando serve a uno scopo e ci sono persone al centro che la mantengono forte. Se una nuova rete di sinistra viene costruita oggi, i suoi nodi dovrebbero sforzarsi di supportare una preoccupazione unificante su scala globale o nazionale, come l’immigrazione, la giustizia razziale o la distruzione ambientale, pur rimanendo profondamente collegati alle comunità locali e alle loro particolari esigenze informative. Ora potrebbe essere il momento perfetto per costruire qualcosa di nuovo. Le aziende che formano la nostra sfera digitale stanno affrontando una crisi politica. Sono diventati canali di odio violento in tutto il mondo e hanno reso le nostre elezioni terribili. Indymedia non dovrebbe essere replicato: non era neanche lontanamente perfetto. Ma il suo esempio ci ricorda che un Internet migliore è possibile, se siamo disposti a costruirlo.

 

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

April Glaser è giornalista di tecnologia e economia presso Slate . In precedenza ha lavorato presso la Electronic Frontier Foundation, il Prometheus Radio Project, Radio Free Nashville e il Tennessee Independent Media Center. Vive a Oakland, in California.

Questo pezzo appare nel numero 8 di Logic , “Bodies” . Per ordinare il libro, vai al nostro negozio . Per ricevere numeri futuri, iscriviti .

 

Un commento su “Un’altra rete è possibile”

I commenti sono chiusi