Comunità antifa online e loro preziosità

Puntata…

Ecco la musica che abbiamo ascoltato:

Hibiscus Biscuit – Keep on Rising

Biomigrant – Sintekonofe (feat. Arnulfo Mancera)

 

Vi ricorderete quando nel 2019 abbiamo parlato di https://www.ravelry.com

On Racism in the Knitting Community

che forse ricordate per il lama con il maglioncino di lana come logo, che ha deciso di esporre e prendere posizione riguardo ai contenuti fascisti omofobi e sessisti all’interno della loro comunità,

ovvero uscire dalla bigottissima posizione alla FB e twitter, che si dicono neutrali ed anche quindi giudici di che cosa è nazi/fascist o no.

E’ importante mettere l’accento sulle utenti.

per due aspetti, se chi gestitte la piattaforma fosse responsabile di tutti i contenuti pubblicati sopra, non esisterebbero più piattaforme dal basso.

se si avvallasse l’idea che necessito una autorità che decide che cosa posso leggere e sentire, anche che praticasse “censura”, correttamente verso contenuti discriminanti, indebiolirebbe tutta la comunità e il discorso pubblico, perchè è responsabilità di ogni singola e singolu di sapere valutare i contenuti.

faccio un esempio al limite, ma le regole e le leggi sono un po come l’analogico col digitale, uno è il mondo reale, l’altro è solo una descrizione “discreta”, cioè fatta a fette, della realtà.

Quindi per evitare che riaccadano tragedie mondiali come il nazismo, non possiamo limitarci alla costituzione italiana o a qualche linea guida che ci han consegnato le staffette ed i partigiani, che sono preziose ma non omnicomprensive, dobbiamo alimentare la nostra necessità di azione e la nostra possibilità di controbattere argomentazioni xenofobe.

Altri esempi di comunità che supportano il freespeech in una ottica chiaramente partigiana: mastodon bida, noblogs, …

che non significa essere libere di sostenere discorsi discriminanti inaccettabili, ovvero sei libera di dirli ma anche di essere pesantemente contraddetta, essere segnalata ed insomma prenderti il peso delle tue parole, secondo l’opinione della tua comunità. Se discrimini aspettati di essere discriminata, se non ti informi su che cosa provoca molestia alle persone diverse da te, e ci cadi nel farla, aspettati di venire rimproverata, in un ambiente di comunità che può arrivare anche in casi estremi ad accompagnarti alla porta.

Questo lo spunto per parlare di un nuovo report, recensito e finanziato dalla mozilla fondation e fatto da: Rebellius data

Tra i risultati chiave di Emmi nel rapporto:

La radicalizzazione sta diventando più difficile da affrontare. Le grandi piattaforme come YouTube usano algoritmi imperfetti sia per le raccomandazioni che per la moderazione automatica dei contenuti. Ospitano comunità che possono disinformare e radicalizzare gli utenti impressionabili. La “radicalizzazione” si riferisce alle condutture in cui gli utenti sono esposti a forme più estreme di ideologie e comportamenti razzisti nel tempo. Gli approcci centralizzati alla moderazione, come una moderazione dall’alto o un team di sicurezza, non funzionano sulla tecnologia P2P perché la tecnologia stessa si basa sulla decentralizzazione dell’autorità. Poiché sempre più suprematisti bianchi continuano a migrare verso la tecnologia P2P, aumenta anche il rischio che organizzino la violenza attraverso questi strumenti.

L’odio moderno non è così sensibile alla deterrenza dall’alto, all’approccio autoritario. Come molti suprematisti bianchi stessi espandono l’uso di tattiche “senza leader”, stanno diventando più agili nell’aggirare gli approcci centralizzati per contrastare i loro sforzi, come la politica, la moderazione automatica dei contenuti, o gli arresti di attaccanti “lupi solitari”. La decentralizzazione dei gruppi suprematisti bianchi è sempre più facilitata da una tecnologia P2P incontenibile e criptata. Come tale, molti metodi dei tipici sistemi e strutture governative, come la legislazione o la sorveglianza, si stanno dimostrando meno efficaci nel più moderno panorama delle minacce. Solo una rete può sconfiggere una rete.

Ci sono soluzioni decentralizzate emergenti. Alcuni strumenti P2P hanno introdotto nuove idee per combattere i contenuti dannosi. Alcune piattaforme hanno svelato gli accordi con gli utenti e hanno esortato le loro comunità a bloccare il supporto di strumenti problematici. Altre piattaforme hanno introdotto “audit di abuso” per identificare e mitigare le potenziali minacce per gli utenti. A causa della natura tecnica e sociale dei problemi che affrontiamo, le nostre soluzioni devono anche essere ampiamente decentralizzate.

La decentralizzazione aiuta a risolvere molti problemi, ma solleva anche nuove sfide. Le tecnologie P2P possono far progredire molti dei più grandi problemi di coordinamento della società, dal trasporto pubblico e dalle catene di approvvigionamento alla connessione sociale positiva e alla collaborazione. Tuttavia, le sfide che ci chiedono di affrontare non hanno soluzioni facili.

 

Esempio su SBB, su essere comunità repellenti ai messaggi di odio.

Estratto tradotto I tentativi di Ethereum

Ethereum è una “piattaforma globale, open-source per applicazioni decentralizzate”. Si tratta di una blockchain e di un protocollo di criptovaluta attraverso il quale è possibile costruire tutti i tipi di valute, applicazioni e anche Organizzazioni autonome decentralizzate (DAO). Uno dei fondatori di Ethereum, Vinay Gupta ha parlato pubblicamente contro il nazionalismo bianco e l’alt-right nello spazio P2Pincoraggiando che la gente dovrebbe dare “non un centesimo” a loro o altrimenti sostenere i loro progetti.è stato successivamente attaccato dal blogger neo-nazista, Andrew Anglin. In risposta, Guptatweeted: “Dovreste inforcare. Non saremo buoni padroni di casa…. Colluderemo contro di voi. Renderemo le vostre vite miserabili. Troveremo… modi subdoli ma etici per far fallire il vostro progetto… In ogni caso, mettete il lavoro di tutta la vostra vita nelle mani di persone che vi odiano… Noi facciamo infrastrutture. In una certa misura, la dichiarazione di Gupta è un bluff ambizioso, perché c’è solo così tanto Etereum può fare per fermare i neo-nazisti di utilizzare la loro tecnologia. Siti web come Fascist Forgehave Ethereum pulsanti di donazione e molti nella comunità delle criptovalute hanno preso le parti del Daily Stormer in questo dibattito. Tuttavia, è fondamentale che uno dei più importanti progetti blockchain abbia preso una posizione veemente e pubblica contro i suprematisti bianchi quando molti altri fanno semplicemente spallucce e ignorano il problema.

Gran bel volantino con spunti molto avanti, poco implementati e da riflettere: