5g una opinione

Info extra: https://orionesrl.it/prodotto/misuratore-campi-elettromagnetici-smp-2/   = è una antenna! hoooo però certificata.

Traduzione da un articolo di rhizomatica.org, una organizzazione che installa reti GSM con la popolazione di Oxaca – Messico.

5G – una condizione terminale
08 aprile 2020

Mentre la pandemia COVID-19 devasta il globo, la tecnologia 5G è diventata una sorta di “bestia nera” – incolpata per indebolire i sistemi immunitari, peggiorare la diffusione e in alcuni casi essere la causa del virus stesso. Internet è attualmente immerso in teorie completamente infondate sul 5G, che tolgono legittimità a fonti di informazione più veritiere sulla pandemia e persino impediscono agli installatori di infrastrutture di telecomunicazione di svolgere il proprio lavoro da parte del pubblico interessato e della distruzione delle torri torri in Inghilterra e altrove.

Stranamente, allo stesso tempo, altri stanno propagandando il ruolo che il 5G ha e potrebbe forse svolgere nel contribuire a fermare la diffusione del coronavirus. Uno dei principali produttori di apparecchiature 5G, Huawei, ha pubblicamente pubblicizzato il ruolo svolto dal 5G nelle risposte mediche ed epidemiologiche di prima linea. Anche le voci rispettate nei paesi in via di sviluppo, in gran parte un membro di spicco della Computer Association of Zambia, stanno esortando le installazioni di 5G a essere accelerate nei loro paesi, nonostante enormi fasce della loro popolazione non abbiamo nemmeno una copertura mobile di base o l’accesso a Internet (non per citare l’alloggio o i servizi sanitari adeguati).

Come la più recente generazione di tecnologia mobile, 5G segue i suoi predecessori (2G, 3G, 4G) come oggetto di sostanziale resistenza relativa ai suoi potenziali impatti sulla salute. Per quanto familiare, il tenore e l’intensità della preoccupazione e dell’azione organizzata nei confronti del 5G hanno raggiunto nuovi traguardi. Ciò è principalmente dovuto alla sensazione che la tecnologia delle onde millimetriche sia più pericolosa per la nostra salute poiché utilizza frequenze più elevate e richiede tipologie di rete più dense, in altre parole le stazioni base e le antenne sono più abbondanti e fisicamente molto più vicine alle persone, rispetto al wireless precedente tecnologie.

Per entrare correttamente nella discussione sugli effetti sulla salute delle radiazioni della tecnologia 5G, è importante affermare che non esiste una ricerca scientifica schiacciante a sostegno di queste affermazioni. La maggior parte – ma non tutti – degli scienziati e dei ricercatori che studiano gli effetti dei campi elettromagnetici a radiofrequenza (come nelle radiazioni emesse dalle tecnologie wireless) sul corpo, in primo luogo tra questi, la Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP), ho detto che la tecnologia è sicura. Come accennato, non esiste un accordo totale su questo, ad esempio esiste un’entità organizzata di medici e ricercatori chiamata Appello 5G che hanno fatto pressioni sui parlamenti in Europa per fermare il 5G. Anche se può darsi che il 5G rappresenti un rischio per la salute, non ci sono ancora prove sufficienti a conferma. In ogni caso, questa mancanza di consenso lascia molto spazio al dubbio e quel dubbio ha suscitato un bel po ‘di paura. Questa paura, a sua volta, ha portato a vari tipi di azione.

Di recente ho scritto un articolo su come i governi locali negli Stati Uniti, molte volte per volere dei loro cittadini, hanno cercato di rallentare, o addirittura prevenire, l’installazione imposta della tecnologia 5G nelle loro città. Mentre quel pezzo ha lodato questi sforzi, non ha analizzato ciò che sta dietro gran parte di questa resistenza, vale a dire una politica “non nel mio cortile” sposata da persone più ricche che vivono in aree storiche o altrimenti scenografiche, mescolando e abbinando l’estetica alla salute preoccupazioni. Perfino alcuni governi, principalmente nel nord Europa, hanno fermato del tutto il 5G fino a quando non hanno visto migliori prove della sua sicurezza.

Ciò che trovo più inquietante nel dibattito sulla salute e la sicurezza del 5G, è che i resistori più vocali molto raramente sollevano ciò che per me sono preoccupazioni più profonde e più legittime. In qualche modo è più facile (le bolle di filtro indotte dai social media sono di grande aiuto) e più efficace, agitare e organizzare attorno a affermazioni di salute e cospiratorie in gran parte prive di fondamento, quando problemi gravi e meglio documentati circondano il 5G (più su questi sotto). La “psicomaterializzazione” di campi elettromagnetici invisibili in sentimenti di disagio e rabbia fino al punto di distruzione della proprietà (esempio del Regno Unito) merita di essere giustapposta criticamente con un’assenza di coscienza e azione attorno ai pericoli materiali e reali posti dal 5G e dai suoi predecessori.

Lasciando da parte l’aspetto delle radiazioni, la tecnologia mobile ha avuto effetti tremendi e deleteri sulla salute e sulla sicurezza. Nel nord del mondo, i più ovvi sono gli incidenti mortali dovuti ai conducenti distratti che guardano i loro telefoni invece della strada. Esistono anche prove convincenti che, almeno negli Stati Uniti, l’introduzione dello smartphone ha portato a un rapido aumento del suicidio tra adolescenti, poiché i giovani interagiscono tra loro in meno nel mondo fisico e sono costantemente sotto pressione sui social media, portando a infelicità e depressione.

Tuttavia, gran parte di ciò di cui dovremmo preoccuparci della tecnologia 5G si verifica nel sud del mondo. In nessun ordine particolare, c’è un problema che circonda l’incredibile danno e distruzione dell’ambiente e delle comunità in cui avviene l’estrazione di materiali e minerali, in gran parte effettuata da donne in condizioni di pericolo. La produzione di apparecchiature mobili in condizioni di lavoro non sicure è un’altra area di preoccupazione. Poi c’è l’inquinamento causato dai rifiuti elettronici prodotti da tutte le apparecchiature quando sono rotte o considerate troppo vecchie per essere utili. Da lì, possiamo esaminare criticamente come la tecnologia 5G utilizza da due a tre volte più energia rispetto alle precedenti tecnologie mobili e l’impatto che ciò ha sull’aumento dei cambiamenti climatici. Un’ultima considerazione è la probabilità ben documentata che la società adattata al 5G sarà caratterizzata da significative perdite di posti di lavoro quando l’automazione entrerà in un numero sempre maggiore di settori dell’economia.

Essere poveri e vivere in un ambiente inquinato riduce l’aspettativa di vita. Dovremmo arrabbiarci anche per quello. Fino ad ora, i critici 5G più attivi e organizzati sono quelli che vivono nel Nord globale, preoccupati per gli effetti “spettrali” sulla salute, ma sono anche quelli che sono più che felici di ignorare gli innumerevoli pericoli esposti sopra, dal momento che non vedono, sentono o capiscono come alla fine li influenzerebbe. Sfortunatamente, i gruppi di opposizione del 5G non sono stati finora in grado di trovare una causa comune con quelli del Sud del mondo, che sono quelli che forniscono minerali e manodopera a basso costo per creare la tecnologia, e in cambio ricevono navi portacontainer elettroniche arrugginite.

La pandemia di COVID-19 ci ha costretti tutti ad affrontare molte dure realtà: il crollo del sistema medico e nessun posto dove tenere tutti i corpi; come ci si sente a vivere in un regime autoritario con restrizioni ai movimenti, coprifuoco e sorveglianza intensificata; e in fila per ore per comprare il pane. Molte persone in tutto il mondo affrontano queste sfide ogni giorno, indipendentemente dall’attuale crisi sanitaria. Fortunatamente, quelli di noi che non hanno mai sperimentato nulla di simile prima d’ora impareranno una lezione cruciale da coloro che l’hanno già vissuta: non abbiamo altra scelta che capire e affrontare insieme i principali eventi e problemi globali, sia esso una pandemia virale, un cambiamento “progresso” tecnologico o climatico.