25-1-2020 DEMO in Leipzig, TAG indymedia!

solidarity linksunten.indymedia.org

Linksunten, in basso a sinistra, uno dei media indipendenti più usato dalla sinistra radicale tedesca è stato censurato ad agosto 2017 e messo al bando. Si aspettano gli esiti legali, intanto si fa pressione sull’opinione pubblica e si riceva solidarietà ed apprezzamento da tutto il mondo. In germania, manifestazione nazionale il 25 gennaio a Leipzig.

NOSTRA PUNTATA:

musica: https://bandcamp.com/download?id=975193319&ts=1579678928.3066833237&tsig=0edb689c323df1d46ad08c62f6c4c6ea&type=album

25 GENNAIO MANIFESTAZIONE in piazza

VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=NMpeNZ8bGg8

MANIFESTO: https://linksunten.soligruppe.org/it/

Dal 2009 linksunten.indymedia.org ci ha accompagnato nelle nostre battaglie quotidiane e ci ha fornito un mezzo adeguato. Su nessun’altra piattaforma con questa gamma nell’area di lingua tedesca è stato possibile scambiare, segnalare e spiegare se stessi in modo anonimo e sicuro. Nessun’altra piattaforma è riuscita a unire così tanti spettri e movimenti che sono stati attivamente coinvolti nel lavoro di pubbliche relazioni radicali di sinistra.
Quando i grandi capi di Stato si sono incontrati per il vertice del G20 all’inizio di luglio 2017, si è sviluppata una massiccia resistenza contro di esso, che ha portato ad una temporanea perdita di controllo delle forze di sicurezza. Tra l’altro, come reazione a questa forte protesta, nei mesi successivi si è scatenata un’ondata di repressione contro la scena di sinistra in Germania, che non esisteva da molto tempo, sotto forma di perquisizioni domiciliari, perquisizioni pubbliche, lunghe pene detentive (in custodia cautelare), campagne di diffamazione e leggi più severe. In questo contesto vediamo anche il divieto di linksunten.indymedia.org.
Che questo accade anche in un momento in cui i rifugi fuggitivi sono di nuovo in fiamme, il razzismo e il fascismo sono da tempo tornati socialmente accettabili e l’AfD ha trovato la sua strada in tutti i parlamenti è uno schiaffo in faccia a tutti coloro che hanno usato linksunten.indymedia.org per opporsi all’emergente e completa svolta a destra.
Non vogliamo e non possiamo accettare che tutto questo rimanga senza risposta. Invitiamo pertanto tutti i compagni e i veicoli a partecipare alla nostra campagna per il giorno (((i))), il sabato prima dei processi presso il Tribunale amministrativo federale di Lipsia. Pertanto organizzeremo una manifestazione nazionale a Lipsia per esprimere la nostra solidarietà con linksunten.indymedia.org e per difenderci contro il divieto.
Costruiamo reti di solidarietà, mettiamoci in contatto con noi e dimostriamo insieme che non siamo disposti a portare avanti queste condizioni!
Trasformiamo il giorno ((((i)))) in un giorno di resistenza!

https://linksunten.soligruppe.org/it/

COSA é SUCCESSO:

Nell’agosto 2017, Indymedia in basso a sinistra è stata bandita dal Ministro federale dell’interno. L’avvocato Kristin Pietrzyk riferisce delle incursioni, della cooperazione tra polizia e servizi segreti e fornisce una panoramica della procedura legale contro il divieto e la censura.
La più importante piattaforma di notizie radicali di sinistra linksunten.indymedia.org è stata bandita dal Ministro degli Interni Federale Thomas de Maizière nell’agosto 2017. Il Ministero dell’Interno ha usato la legge sulle associazioni per rovesciare la legge sulla stampa. Senza ulteriori indugi, dichiararono che alcune delle Associazioni autonome di Friburgo erano note per essere membri di un’associazione “Indymedia linksunten” e il Centro autonomo KTS Freiburg in “Associazione Casa”.
Al fine di ottenere prove legali per il divieto dell’associazione e l’assegnazione delle persone colpite da tale associazione, sono stati perquisiti quattro appartamenti e la “casa dell’associazione”. Il denaro trovato fu rapidamente dichiarato “patrimonio dell’associazione” e confiscato. I computer confiscati devono essere “decifrati” da una “task force” della LKA Baden-Württemberg, della polizia federale e dell’Ufficio federale per la protezione della Costituzione e, se ha esito positivo, valutati dal servizio segreto nazionale.
In realtà, l’esempio di Indymedia linksunten dovrebbe discutere politicamente della libertà di stampa e della libertà di espressione. Informazioni sull’agitazione anticostituzionale mirata in vista del divieto e delle ricadute del vertice del G20 ad Amburgo. Sull’ascesa dell’AfD radicale di destra e una campagna elettorale tedesca nell’autunno 2017. Invece, il caso viene ascoltato a seguito di un atto amministrativo del Ministero degli Interni federale davanti al Tribunale amministrativo federale di Lipsia. Kristin Pietrzyk è un avvocato di Jena, che rappresenta una delle persone colpite.

media.ccc.de

Più info

Da Dicembre ONLINE NUOVAMENTE GLI ARCHIVI:

Archivio completo linksunten.indymedia.org all’indirizzo https://linksunten.archive.indymedia.org/.

Dalla rete Tor è accessibile direttamente tramite l’indirizzo cipolla: http://xrlvebokxn22g6x5gmq3cp7rsv3ar5zpirzyqlc4kshwpfnpl2zucdqd.onion/

La resistenza è globale … una collaborazione trans-pacifica ha dato vita a questo sito web. “

è così che è iniziato il primo articolo su seattle.indymedia.org il 24 novembre 1999. Formando la rete di Indymedia, mettiamo il giornalismo e il lavoro di stampa sulle nostre azioni e proteste nelle nostre mani. Con Indymedia, il movimento anti-globalizzazione ha testimoniato che una “globalizzazione” diversa e potenziante nella solidarietà è possibile.

“I tempi difficili richiedono media indipendenti …”

ha scritto coloro che hanno avviato linksunten.indymedia.org nella loro dichiarazione di fondazione.

20 anni dopo la nascita di Indymedia e oltre 10 anni dopo l’avvio di linksunten.indymedia.org, vogliamo riprendere queste parole e riaccendere la solidarietà.

Il 25 agosto 2017, poche settimane dopo che sono avvenute le potenti azioni contro il G20 ad Amburgo, le forze dell’ordine e la politica hanno reagito e bandito linksunten.indymedia.org, a quel tempo una delle piattaforme più importanti per lo scambio di pensieri e discussioni. Quando il sito è stato chiuso, 10 anni di storia dei movimenti di attivisti si sono persi … o no.

Indymedia ha sempre voluto decidere da soli, cosa verrà pubblicato o meno. Pertanto WE ora è andato avanti e ha deciso di rendere nuovamente accessibili questi 10 anni di storia. Nessun governo e nessuna polizia ci impediranno di farlo. Internet non dimentica.

Gli unici archivi dei nostri movimenti sono scritti dai movimenti stessi e nessuno racconterà la nostra storia se non lo facciamo da soli.

NEWS A FINE ANNO: https://anarchistsworldwide.noblogs.org/post/2019/12/31/leipzig-germany-cop-cars-communications-tower-torched-in-solidarity-with-linksunten-indymedia/